BOZZA DEL DECRETO

20/01/2006

3.204 volte
Il Codice unico degli appalti pubblici che recepisce nell'ordinamento italiano le direttive comunitarie 2004/17 e 2004/18 ha l'obiettivo di riordinare la disciplina regolante i contratti di lavori, servizi e forniture. Il testo approvato nella seduta del Consiglio dei Ministri del 13 gennaio 2006 è uno strumento prezioso perché semplifica il compito degli operatori del settore degli appalti pubblici coordinando una disciplina fortemente frammentata e di difficile ricognizione.
Il testo normativo coordina le disposizioni relative ai settori ordinari disciplinati dalla direttiva 2004/18/ce e ai settori speciali disciplinati dalla direttiva 2004/17, integrando e modificando una serie di disposizioni normative regolate dalla legge quadro sui lavori pubblici.
Il testo normativo è composto da 257 articoli e XXII allegati con relazione illustrativa sul testo così articolata:
1. il quadro comunitario;
2. il diritto nazionale vigente alla vigilia del recepimento delle nuove direttive;
3. la legge delega e i criteri di recepimento per i contratti sopra soglia;
4. possibili criteri di semplificazione degli appalti sotto soglia;
5. fonti primarie, regolamenti, capitolati;
6. profili organizzativi;
7. contenzioso;
8. inserimento del codice nel sistema normativo;
9. suddivisione dell’articolato.
Il provvedimento normativo rinnova alcune procedure quale l'appalto integrato, e ne introduce di nuovi quali gli accordi quadro, il dialogo competitivo, le aste elettroniche, consentendo alle amministrazioni di scegliere tra il criterio di aggiudicazione del prezzo più basso e il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa. Il testo cambia anche le soglie di aggiudicazione degli appalti, ma per la versione definitiva è necessario l'esame della Conferenza unificata, del Consiglio di Stato e delle Commissioni parlamentari, per i relativi pareri. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa