SALVI GLI APPALTI

14/02/2006

2.681 volte
Il Consiglio di Stato con la sentenza n. 27 del 10 gennaio 2006, in riferimento alla volontà del Governo di realizzare opere pubbliche di preminente interesse , come la tangenziale di accesso alla nuova Fiera di Milano ed il prolungamento della A31-Valdastico, senza indire una gara ad evidenza pubblica, pur confermando l'illegittimità della procedura, non ha potuto sancire la risoluzione dei contratti di appalto, in considerazione di quanto previsto dalle leggi sblocca-cantieri.
. I Giudici del Consiglio di Stato, ribadendo la decisione del TAR Lombardia, precisano che “non sussistono dubbi sul fatto che l'Anas abbia omesso di indire una gara ad evidenza pubblica per la gara del concessionario”. Ma l'annullamento dell'aggiudicazione non porterà ad una revisione dell'appalto in quanto applicando le disposizioni del Decreto legislativo 190/2002 sulle grandi opere “la sospensione o l'annullamento giurisdizionale dell'aggiudicazione di prestazioni pertinenti alle infrastrutture (le grandi opere) non determina la risoluzione del contratto eventualmente stipulato dai soggetti aggiudicatori”.
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa