SISTEMA D’INTERSCAMBIO E PORTALE DEI COMUNI

19/12/2006

1   3.577 volte
Con Circolare dell'Agenzia del Territorio n. 7 del 15 dicembre 2006, firmata dal Direttore Mario Picardi, con decorrenza il 30 dicembre 2006 vengono analizzate le modalità di fornitura telematica dei dati catastali a comuni, province e regioni, in coerenza con l'art. 37,comma 54, del decreto legge 4 luglio 2006, n. 223,convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248.

Nell'allegato alla Circolare vengono esaminati i canali di colloquio attraverso i quali gli enti territoriali potranno disporre dei servizi che sono essenzialmente due:
  • il "Portale per i comuni", è un ambiente web con accesso dal sito internet dell'Agenzia, navigabile con un browser standard, che consente il download e l'upload delle forniture;
  • il "Sistema di Interscambio", basato sulla cooperazione applicativa tra sistemi informatici per la cui attuazione i soggetti cooperanti devono dotarsi, ognuno per la propria parte, delle necessarie applicazioni. Per le sue caratteristiche tecniche intrinseche il Sistema di Interscambio è particolarmente indicato per enti che, disponendo di sistemi informatici evoluti, sono in grado di integrare automaticamente i dati catastali all'interno dei propri sistemi.
L'Agenzia del territorio ha predisposto due tipologie di forniture che possiamo riportare di seguito:
  • "a richiesta" per tutti gli enti territoriali interessati, ancorché con contenuto organizzato su base comunale, pubblicate a seguito di specifica richiesta;
  • "specifiche" per i comuni, accessibili solo a quest'ultimi, alcune delle quali a cadenza mensile e pubblicate per tutti i comuni.
Di seguito vengono riportate l'elenco delle forniture suddivise per tipologie che saranno disponibili al 30 dicembre 2006:

Forniture "a richiesta" disponibili per tutti gli enti territoriali Appartengono a questa tipologia le forniture contenenti:
  • tutti i dati catastali attualizzati ("fotografati") ad una data scelta dall'Ente riferiti a:
    • Catasto terreni
    • Catasto fabbricati
    • Cartografia vettoriale (per questa tipologia vale la data di estrazione)
  • gli aggiornamenti registrati in un intervallo temporale dato riferiti a:
    • Catasto terreni
    • Catasto fabbricati
    • Cartografia vettoriale
Nei casi di cartografia catastale conservata in formato raster sono comunque disponibili le forniture degli aggiornamenti in quanto gestiti in modalità vettoriale.

Forniture "specifiche" per i comuni Appartengono a questa tipologia di forniture i file contenenti:
  • i dati relativi ad accatastamenti e variazioni da fornire in base all'art. 34 quinquies L. 80/2006;
  • i dati derivanti dall'adempimento unico da fornire ai fini della gestione dell'ICI;
  • estrazione di tutti i dati metrici del catasto fabbricati, attualizzati alla data di produzione, ai fini della gestione della TARSU (comma 340 dell'art. 1 L. 311/2004);
  • aggiornamenti dei dati metrici del catasto fabbricati registrati in un intervallo temporale dato ai fini della gestione della TARSU;
  • esiti delle attività di cui al comma 336 dell'art. 1 L. 311/2004.
Per quanto concerne i costi a carico di comuni, province e regioni per la fruizione telematica della base dei dati catastali questi sono unicamente quelli di connessione, non si applicano pertanto i costi indicati nel provvedimento del Direttore dell'Agenzia del Territorio del 19 marzo 2003, concernente la definizione dei nuovi prezzi di vendita della cartografia catastale.

© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

mimmo1
03/01/2016 10:49
Sono contento che anche gli organismi pubblici si stiano orientando verso la possibilita di fruire dei dati anche delle altre amministrazioni per via telematica: chissà che si riescano a ridurre i tempi di attesa per le pratiche edilizie spesso bloccate per la mancanza di un dato catastale.
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa