Voto definitivo di fiducia alla Camera

22/12/2006

4.217 volte
Con 337 voti favorevoli e 262 contrari la Camera dei deputati, nella seduta di ieri, giovedi 21 dicembre, ha approvato, senza emendamenti ed articoli aggiuntivi, l’articolo unico del disegno di legge, già approvato dalla Camera e modificato dal Senato, recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2007).
Dopo la trattazione degli ordini del giorno l'Assemblea ha approvato in via definitiva il provvedimento.

E' stato, altresì, approvato in via definitiva il disegno di legge, già approvato dalla Camera e modificato dal Senato, concernente il bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2007 e bilancio pluriennale per il triennio 2007-2009.

Ricordiamo che il ddl finanziaria 2007, varato dal Consiglio dei Ministri il 29 settembre 2006, era stato approvato in prima lettura dalla Camera dei deputati il 19 novembre scorso e successivamente il senato, con voto di fiducia, nella seduta di venerdì 15 dicembre scorso, aveva approvato l'emendamento interamente sostitutivo del disegno di legge Finanziaria 2007 sul quale il Governo aveva posto la questione di fiducia.

La Finanziaria 2007 si presenta con un unico articolo composto da 1.365 commi e, di fatto, è stata interammente sostituita dal maximendamento del Governo presentato a Palazzo Madama che conferma molte delle disposizioni presenti nel del testo del ddl Finanziaria approvato alla Camera, tra cui ricordiamo i seguenti.
  • Irpef
    Ridisegnata la curva Irpef a decorrere dal 1° gennaio 2007: sono stati rimodulati gli scaglioni di reddito e le corrispondenti aliquote di tassazione. Cambiano anche le modalità di determinazione dell’imposta con l’introduzione di apposite detrazioni. Fino a 15mila euro aliquota del 23%, da 15mila a 28mila 27%, da 28mila a 55mila 38%, da 55mila a 75mila 41%, oltre 75mila si applica il 43 per cento. Le deduzioni di lavoro dipendente, pensione, lavoro autonomo e altri redditi vengono sostituite da un sistema di detrazioni. Introduzione, dunque, delle detrazioni per carichi di famiglia e delle detrazioni per alcune categorie di redditi. Detrazione di 800 euro a figlio, che sale a 900 per i figli che hanno meno di 3 anni. Le detrazioni sono aumentate di 220 euro per figli portatori di handicap. La detrazione è ripartita al 50% fra i genitori o, previo accordo, spetta a quello con il reddito più elevato. In caso di separazione legale, annullamento o divorzio spetta, in mancanza di accordo, al genitore affidatario. In caso di affidamento congiunto e in mancanza di accordo, la detrazione è ripartita fra i genitori. Determinazione dell’imposta dovuta dai soggetti non residenti.

  • Immobili e catasto
    - Con i commi dal 46 al 49 vengono precisate le norme per la tracciabilità delle operazioni di compravendita immobiliare con particolare riguardo all’attività dei mediatori immobiliari che vengono inclusi tra i soggetti che obbligati a richiedere la registrazione delle scritture private relative a preliminari di compravendita o di locazione; con i commi 48 e 49 vengono dettate disposizioni modificative al comma 22 dell’articolo 35 del decreto-legge n. 223/2006 che ha introdotto l’obbligo di specificare negli atti di cessione le modalità analitiche di pagamento, l’eventuale presenza di un intermediario ed il relativo compenso corrisposto.
    - Con i commi 101 e seguenti, obbligo per i comuni, a decorrere dal 1° novembre 2007 di esercitare direttamente, anche in forma associata o attraverso le comunità montane, le funzioni catastali loro attribuite dal Dlgs 112/1998. È esclusa la possibilità di servirsi di società private, pubbliche o miste pubblico-private.
    - Con i commi 101 e seguenti, nelle dichiarazioni dei redditi presentate nell’anno 2007 ne quadro dei fabbricati deve essere indicato per ogni immobile l’importo dell’Ici dovuta per l’anno precedente ed obbligo per i Comuni di comunicare all’Agenzia del Territorio discordanze tra dati ICI e dati catastali.

  • Riqualificazione energetica degli edifici
    - Con i commi dal 344 al 350 viene confermata la detrazione dall’Irpef del 55% delle spese per interventi di riqualificazione energetica degli edifici; per l’installazione di coperture, pavimenti e infissi e di pannelli solari per la produzione di acqua calda; per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaia a condensazione, e di adeguamento della rete di distribuzione.
    - Viene, poi, definito con i commi 351 e 352 anche un contributo pari al 55% degli extra-costi sostenuti per chi farà interventi su nuove costruzioni, di volumetria superiore a 10.000 mc, iniziati entro il 31 dicembre 2007 e terminati entro i tre anni successivi, a ridotto fabbisogno di energia commi.

  • Pannelli fotovoltaici
    Nel regolamento edilizio comunale ai fini del rilascio del permesso di costruire, deve essere prevista l’installazione di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica per gli edifici di nuova costruzione in modo tale da garantire una produzione energetica non inferiore a 0,2 kw per ciascuna unità abitativa.

  • Condominio
    Obbligo del condominio, quale sostituto d’imposta, di effettuare la ritenuta del 4% a titolo di acconto dell’imposta sul reddito dovuta dal percipiente, anche sui corrispettivi dovuti per prestazioni relative a contratti di appalto.

  • Professionisti
    - Vengono limitati gli automatismi negli accertamenti. La contestazione automatica di maggiori imposte sulla base degli studi di settore scatterà solo se la presunta evasione è particolarmente consistente. L’accertamento da parte del fisco scatterà solo per quegli artigiani, commercianti e professionisti che dichiareranno un importo inferiore al 40% dello studio di settore, e comunque nei casi in cui la divergenza sia superiore a 50.000 euro.
    - Con il comma 69, in riferimento agli obblighi di tracciabilità dei compensi, viene modificato il comma 12-bis dell’articolo 35 del decreto-legge n. 223/2006, convertito con modificazioni nella legge n. 248/2006 e viene disposto che il limite di 100 euro si applicherà a decorrere dall’1 luglio 2009 mentre sino al 30 giugno 2008 tale limite è di 1.000 euro e dall’1 luglio 2008 al 30 giugno 2009 il limite è stabilito in 500 euro. Possibilità di deroga ai limiti indicati successivamente ad apposito decreto del ministro dell’Economia che individua le condizioni impeditive.
    - Con il comma 334 vine modificato l’articolo 54 del Testi unico dell’imposte sui redditi di cui al DPR n. 917/1986 e scatta per i professionisti la possibilità di dedurre le quote di ammortamento degli immobili e i relativi canoni di locazione finanziaria. Gli immobili saranno ammortizzabili in quote annuali non superiori a quelle risultanti dall'applicazione al costo dei beni dei coefficienti stabiliti, per categorie di beni omogenei, con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze mentre è consentita la deduzione integrale, nel periodo di imposta in cui sono state sostenute, delle acquisizioni di beni strumentali il cui costo unitario non sia superiore ad euro 516,40.

  • Ristrutturazioni
    Confermata la detrazione del 36% sulle ristrutturazioni. Lo sconto fiscale sale al 55% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici che consentano di riscaldare con minor consumo e per l'installazione di pannelli solari.

  • Società per l’investimento immobiliare quotate (Siiq)
    Arrivano in Italia le società per l'investimento immobiliare quotate, specializzate nel mercato delle locazioni. Godranno di un regime fiscale agevolato con un'imposta sostitutiva del 20% al posto dell'Ires e dell'Irap. Per la quota di utili che deriva dall'affitto per uso abitazione l'aliquota scende al 15 cento.

  • Canoni demaniali
    Con i commi 249 e seguenti viene modificato il sistema di determinazione dei canoni annui per concessioni demaniali marittime rilasciate con finalità turistico ricreative.

  • Tassa di successione
    Viene modificata la tassa di successione prevista dal decreto fiscale collegato. Le aziende familiari saranno esentate dalla tassa se passano a parenti fino al terzo grado, a condizione che gli eredi proseguano per almeno cinque anni nell’attività di impresa. Per fratelli e sorelle arriva una franchigia di 100.000 euro, oltre la quale l’aliquota torna al 6%. Se l’erede è portatore di handicap grave, invece, la franchigia viene innalzata a 1,5 milioni. Per coniugi e figli è prevista una franchigia fino a un milione e l’aliquota del 4% sulla quota eccedente e costituzione di vincoli di destinazione.

  • Imposta di scopo
    I Comuni a decorrere dal 1° gennaio 2007 possono istituire una imposta di scopo destinata alla parziale copertura (massimo 30%) delle spese per la realizzazione di opere pubbliche individuate dai Comuni in un apposito regolamento. Possibile per opere di trasporto pubblico urbano, opere viarie, di arredo urbano, di risistemazione di parchi e giardini, realizzazione di parcheggi pubblici, restauro, conservazione dei beni artistici e architettonici, opere per nuovi spazi per eventi e attività culturali allestimenti mussali e biblioteche, realizzazione e manutenzione di opere di edilizia scolastica.

  • A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa