AUMENTO DEI TASSI

12/12/2006

1.774 volte
Nella riunione del 7 dicembre scorso il Consiglio direttivo della Banca centrale europea ha adottato le seguenti decisioni di politica monetaria:
  • il tasso minimo di offerta sulle operazioni di rifinanziamento principali dell’Eurosistema è innalzato di 25 punti base, al 3,50%, a decorrere dall’operazione con regolamento il 13 dicembre 2006;
  • il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento marginale è innalzato di 25 punti base, al 4,50%, con effetto dal 13 dicembre 2006;
  • il tasso di interesse sui depositi presso la banca centrale è innalzato di 25 punti base, al 2,50%, con effetto dal 13 dicembre 2006.
L’aumento di 25 punti è il quinto del corrente anno e segue quelli precedenti dell’11 ottobre che aveva portato i tassu dal 3,00% al 3,25%, del 9 agosto che aveva portato i tassi dal 2,75% al 3,00%, del 15 giugno scorso che aveva portato i tassi dal 2,50% al 2,75% e dell’8 marzo che aveva portato i tassi dal 2,25% al 2,50% e porta complessivamente, nel 2006 un aumento del tasso pari all’1,25% dal 2,25% del 6 dicembre dello scorso anno al 3,50% di oggi.

Si tratta del sesto ritocco da quando è partita la stretta (dicembre 2005) mentre precedentemente il costo del denaro era stato stabile al 2,00% dal 6 giugno del 2003 al 6 dicembre del 2005 per oltre due anni.
Ovviamente con l’aumento del tasso al 3,50% comporterà un aumento del costo dei mutui e dei prestiti.

Le borse europee hanno reagito bene all’aumento del costo del denaro ed hanno vissuto sedute all’insegna degli acquisti, senza risentire dell’aumento di un quarto di punto del costo del denaro da parte della Banca centrale europea.

Il consiglio direttivo della Banca centrale europea ha preferito non prendere impegni temporali su future strette monetarie, lasciando quasi intendere che il livello dei tassi d’interesse potrebbe essere ormai vicino a un obiettivo di medio periodo.
D’altro parte, il consiglio direttivo non ha potuto fare a meno di notare rischi al ribasso sul fronte della crescita.
Le nuove proiezioni, poi, mostrano che l’inflazione dovrebbe calare nel 2008, addirittura un gradino sotto al 2,0% in media annua.

Il Presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet, ha, poi, preso posizione sul futuro andamento dei salari nella zona euro precisando che i rischi di aumenti contrattuali generosi “sono al rialzo” e che “Crediamo vi siano tentazioni in alcuni Paesi che non sarebbero appropriate. Ricordo che quando questi rischi si materializzano è ormai troppo tardi per agire”.

A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa