DLGS 163/2006 CORDINATO CON DLGS 6/2007

02/02/2007

26.594 volte
Come preannunciato ieri, pubblichiamo il testo coordinato del Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 recante: “Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE”, cordinato con il Decreto legislativo 26 gennaio 2007, n. 6, con il Decreto-Legge n.173/2006 convertito nella legge n. 228/2006 e con la legge n. 296/2006.

Vale la pena precisare che soltanto ieri con una errata-corrige pubblicata, appunto, nella Gazzetta Ufficiale n. 26 dell’1 febbraio scorso è stata scongiurata la possibilità che il Codice degli appalti potesse entrare in vigore nella sua interezza e senza alcuna sospensione sino al 14 febbraio prossimo.
Infatti nella Gazzetta Ufficiale n. 25 del 31 gennaio scorso veniva precisato che il Decreto legislativo n. 6/2007 di modifica del Codice degli appalti e, quindi, anche di sospensione di taluni istituti sarebbe entrato in vigore il 15 febbraio prossimo; avremmo avuto, allora, un lasso temporale dall’1/2/2007 al 14/2/2007 in cui il Codice degli appalti sarebbe entrato in vigore in tutta la sua interezza, senza sospensioni di sorta, liberalizzando per 15 giorni, ad esempio:
  • l’appalto integrato nei settori ordinari;
  • la trattativa privata.
  • delle centrali di committenza;
che, invece, erano stati, precedentemente, sospesi sino al 31 gennaio scorso dal decreto-legge n. 173/2206 convertito in legge n. 228/2006 e che sarebbero tornati nuovamente ad essere sospesi in riferimento alle modifiche introdotte dal decreto legislativo n. 6/2007, dal 15 febbraio.
E’ comprensibile il caos normativo che si sarebbe generato senza l’errata-corrige pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale di ieri che mette tutto a posto ed in cui viene precisato che il d.lgs. n. 6/2007 entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione in gazzetta e, quindi, ieri 1 febbraio.

Con l’occasione puntualizziamo che nel Decreto legislativo n. 6/2007 il riferimento ad un articolo modificato è errato ed, infatti, quando all’articolo 3, comma 1, lettera i) si fariferimento alla soppressione di alcune parole all’interno dell’articolo 7, comma 4 del d.lgs. n. 163/2006, deve intendersi articolo 77, comma 4.

A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa