ESTENSIONE SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE DEL SERVIZIO DI TRASMISSIONE TELEMATICA

06/06/2007

5.395 volte
Con il provvedimento del Direttore dell’agenzia del Territorio del 30 maggio scorso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 128 di ieri 5 giugno recante “Estensione del servizio di trasmissione telematica del modello unico informatico catastale, relativo agli atti di aggiornamento geometrico (Pregeo) di cui all'articolo 8 della legge 1° ottobre 1969, n. 679, ed agli articoli 5 e 7 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 650, su tutto il territorio nazionale.”, è esteso a tutto il territorio nazionale (ad esclusione delle province autonome di Trento e Bolzano) e a tutti i professionisti abilitati, il servizio di trasmissione telematica del modello unico informatico catastale, relativo agli atti di aggiornamento geometrico del catasto terreni, già attivato, in via sperimentale, a partire dal 15 gennaio 2007 presso alcuni uffici provinciali dell’Agenzia.

A partire dal 2 gennaio di quest’anno, la procedura PREGEO 9 (*) ha permesso la predisposizione dei documenti di aggiornamento completamente in formato elettronico, creando le condizioni per la trasmissione degli atti di aggiornamento cartografici attraverso la rete telematica.

Nell’ambito del processo di progressiva informatizzazione dei servizi dell’agenzia del Territorio, la trasmissione telematica degli atti di aggiornamento del catasto terreni segue quella già attivata per il catasto fabbricati (Docfa telematico), a seguito dell’emanazione del provvedimento del 20 marzo u.s. e che ha già prodotto - dall’avvio della fase di sperimentazione fino al 31 maggio 2007 - la presentazione di oltre 122 mila documenti trasmessi per via telematica.

Per avvalersi di questo nuovo canale di trasmissione, dopo essere stati abilitati al servizio, i professionisti predispongono l’atto di aggiornamento con la procedura PREGEO 9, lo sottoscrivono con la firma elettronica rilasciata dall’agenzia del Territorio e lo inviano all’Ufficio competente, attraverso il Sistema di Interscambio “SISTER” (come previsto dalla normativa vigente, i professionisti e i soggetti abilitati dovranno comunque assicurare la conservazione dei documenti originali cartacei, comprensivi degli allegati, per un periodo di cinque anni).

Conseguentemente, non sarà più necessario per i professionisti recarsi presso gli Uffici dell’Agenzia per la presentazione degli atti di aggiornamento, che potrà avvenire in via telematica, con evidenti economie per tutti i soggetti interessati. In tal modo, inoltre, sarà alleggerita notevolmente l’attività di front office, permettendo una più efficiente erogazione generale dei servizi di sportello.

Quale ulteriore agevolazione, i professionisti, grazie alle disposizioni contenute nel provvedimento del 2 marzo 2007, possono corrispondere i tributi dovuti anche con modalità telematiche, utilizzando somme versate preventivamente sul conto corrente postale, unico a livello nazionale, intestato all’agenzia del Territorio.

Questo servizio, pertanto, nel quadro dello sviluppo complessivo delle applicazioni di e-government, rappresenta un ulteriore passo avanti verso la completa automatizzazione del sistema di aggiornamento degli archivi cartografici e censuari del catasto dei terreni.

(*) La procedura Pregeo
PREGEO, acronimo di PREtrattamento GEOmetrico, è una procedura informatica realizzata dell’agenzia del Territorio e messa a disposizione gratuitamente dei tecnici professionisti (Geometri, Architetti, Ingegneri, ecc) per la predisposizione e la presentazione agli uffici dell'Agenzia del territorio, degli atti di aggiornamento del catasto dei terreni (frazionamenti delle particelle e denunce delle nuove costruzioni). PREGEO si compone di una componete topografica e di una componente cartografica; la prima, consente l’inserimento delle misure assunte sul terreno ed il calcolo delle coordinate di tutti i punti rilevati, la seconda, consente la predisposizione dei documenti informatici per l’aggiornamento della cartografia e dei dati censuari del catasto dei terreni.
La procedura PREGEO, nella sua prima versione, è entrata in vigore su tutto il territorio nazionale nel 1988, congiuntamente alla circolare 2/88; l’introduzione di questa innovativa procedura, nello specifico settore dell’aggiornamento catastale, ha rivoluzionato il modo di pensare ed aggiornare il catasto; aprendo la strada all’informatica, ha consentito la standardizzazione dei dati e delle procedure amministrative, declinando e codificando la buona tecnica prevista dal DPR 650/72 ha consentito l’introduzione di metodi rigorosi per la predisposizione degli atti, il trattamento delle misure e l’aggiornamento della cartografia.
Dal 1988, la procedura PREGEO è stata costantemente aggiornata attraverso l’introduzione di nuove funzionalità sempre tese a semplificare da un lato l’attività dei professionisti nella predisposizione degli atti e dall’altro a migliorare l’efficienza del sistema di aggiornamento della banca dati cartografica e censuaria negli Uffici dell’Agenzia.
Alcune tappe in particolare però, hanno segnato l’evoluzione della procedura PREGEO.
Nel 2002, con l’introduzione del nuovo modello organizzativo, la procedura PREGEO, nella versione 8, ha subito una grande revisione per consentire la gestione dell’estratto di mappa digitale e della proposta di aggiornamento, oltre che il trattamento delle misure altimetriche e dei dati satellitari acquisiti con metodologia GPS (Global Positioning System).
Nel 2005, con la versione 9, la procedura PREGEO è stata ulteriormente migliorata per consentire la completa gestione digitale dei modelli utilizzati dai professionisti per la predisposizione degli atti di aggiornamento, decretando il definitivo abbandono di quelli cartacei e aprendo così la strada alla trasmissione telematica dei documenti di aggiornamento su tutto il territorio nazionale.

Comunicato stampa Agenzia del Territorio
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa