IVA RIDOTTA AL 10%

21/02/2006

11.483 volte
Il 1° febbraio a Bruxelles è stato raggiunto l'accordo sull'IVA ridotta e successivamente l'Ecofin ha approvato la proposta di Direttiva del Consiglio dell'Unione che autorizza i Paesi membri a prolungare fino al 2010 l'applicazione dell'aliquota ridotta sui settori ad alta intensità di manodopera.

In Italia il regime agevolato dell'IVA al 10% per le attività di recupero edilizio, è stato introdotto con la Finanziaria per l'anno 2000, in attuazione della facoltà concessa dall'Unione Europea, in via sperimentale dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2003, di testare gli effetti di questa riduzione su "taluni servizi al alta intensità di lavoro". Il termine è stato poi prorogato fino al 31 dicembre 2005 con la direttiva 2004/15/CE del 10 febbraio 2004, al fine di dare al Consiglio il tempo di esprimersi sulla proposta, avanzata dalla Commissione nel 2003, di revisione delle aliquote ridotte IVA.

Con la proposta di direttiva approvata dall'Ecofin viene modificata la direttiva 77/388/CE, con possibilità di ridurre l'Iva fino al 10% con decorrenza dal 1º gennaio 2006.

Le prestazioni con IVA agevolata al 10% sono quelle che riguardano gli interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all'art. 3, comma 1, lettere a), b), c), d), f) del DPR 380/2001 ed in particolare le manutenzioni ordinarie e straordinarie, effettuate su abitazioni private.

La riduzione dell'Iva al 10% si aggiunge alla detrazione IRPEF del 41% sui lavori di ristrutturazione edilizia, prevista dalla Finanziaria per il 2006. La nuova direttiva è in attesa di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea e successivamente gli Stati membri potranno procedere al recepimento della stessa. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa