PROROGHE SCADENZE

27/12/2006

2.211 volte
Il Consiglio dei Ministri di venerdì 22 Dicembre scorso che ha approvato lo schema di un decreto-legge cosiddetto “Milleproroghe” con cui vengono stabilite alcune proroghe ed in particolare, tra l’altro:
  • la proroga al 30 aprile 2007 in tema di adeguamento delle strutture ricettive alle prescrizioni antincendio;
  • la proroga al 31 dicembre 2007 per le denunce dei pozzi;
  • la proroga al 31 maggio 2007 delle disposizioni in materia di installazione degli impianti all’interno degli edifici.
In merito a quest’ultimo provvedimento, la proroga (fino all’entrata in vigore del regolamento sulla sicurezza degli impianti e comunque non oltre il 31 maggio 2007) è finalizzata all’adozione del regolamento attuativo che è in fase di messa a punto.
In particolare lo schema di regolamento predisposto dal ministero per lo sviluppo economico ha ricevuto il concerto del ministero dell’ambiente ed è stato trasmesso al consiglio di Stato per il parere.
Le difficoltà che hanno rallentato il via libera al provvedimento risiedono soprattutto nel fatto che la legge stessa non ammetteva ipotesi di abrogazione espresse e, comunque, riguardava una mole di norme assolutamente rilevante.
Ecco allora che il governo ha deciso di posporre la data entro la quale andava esercitata la delega, al 31 maggio 2007 assegnando quindi altri cinque mesi per il varo del provvedimento regolamentare.

La legge di conversione del decreto-legge n. 173 del 12 maggio 2006, approvata dal Senato in data 28 giugno scorso, contiene l'articolo 1-quater che recita testualmente:
"Art. 1-quater. - (Proroga di termine in materia di patrimonio abitativo)" 1. Il termine previsto dall'articolo 5-bis, comma 2, del decreto-legge 27 maggio 2005, n. 86, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 luglio 2005, n. 148, è prorogato fino all'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248, e comunque non oltre il 1º gennaio 2007". La proroga riguarda l'applicazione del Capo V della parte II del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 relativa alle "Norme per la sicurezza degli impianti".

Il Citato Capo V era stato più volte prorogato sino al 30/6/2006 e questa ulteriore proroga sino al 1° gennaio 2007 si è resa necessaria poiché ancora non è stata data attuazione all'articolo 11- quaterdecies, comma 13, del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248 il cui testo è qui di seguito riportato:
"13. Entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il Ministro delle attività produttive di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, emana uno o più decreti, ai sensi dell'articolo 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, volti a disciplinare:
  • a. il riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici;
  • b. la definizione di un reale sistema di verifiche degli impianti di cui alla lettera a) con l'obiettivo primario di tutelare gli utilizzatori degli impianti garantendo una effettiva sicurezza;
  • c. la determinazione delle competenze dello Stato, delle Regioni e degli Enti Locali secondo i principi di sussidiarietà e di leale collaborazione, anche tramite lo strumento degli accordi in sede di Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281;
  • d. la previsione di sanzioni in caso di violazione degli obblighi stabiliti dai provvedimenti previsti alle lettere a) e b)."
Le novità che dovrebbero scattare, quindi, dall’1 giugno 2007 ed alle quali è necessario prepararsi, sono le seguenti:
  • Estensione del campo di applicazione a tutti gli edifici pubblici e privati, qualsiasi siua la destinazione d'uso. La legge 5 marzo 1990, n. 46 relativa soltanto agli "impianti civili" viene estesa, analogamente a quanto previsto già per gli impianti elettrici, anche agli impianti relativi agli edifici adibiti ad attività produttive, al commercio, al terziario e ad altri usi;
  • Attestazione SOA. Le imprese in possesso di attestazione SOA specialistiche si considerano abilitate ai sensi della legge n. 46/1990; puntualizzazione superflua in quanto tali imprese dovrebbero essere in possesso dell’abilitazione 46/1990;
  • Albo professionale dei responsabili tecnici. E' istituito presso ogni Camera di Commercio un albo dei responsabili tecnici delle imprese impiantistiche abilitate alla n. 43/1990; si tratta di un inutile appesantimento in quanto esiste già l’albo delle imprese abilitate alla n. 46/1990;
  • Dichiarazione di conformità. Tra gli allegati obbligatori scompare lo schema d'impianto;
  • Misure di semplificazione per il collaudo. Il committente è esonerato dalla presentazione del progetto se richiede il collaudo dell'impianto; l'esonero si riferisce alla presentazione e non alla redazione del progetto;
  • Invio della dichiarazione di conformità. Viene meno il deposito della dichiarazione di conformità presso la Camera di Commercio ma rimane l’invio allo sportello unico del Comune con un unico punto di raccolta, quindi, della documentazione del sistema edificio-impianto.
A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa