ESCLUSO IL MONOPOLIO DELLE POSTE ITALIANE

23/04/2007

2.153 volte
Con sentenza del Tar del Molise 9 marzo 2007, n. 162 viene definita in maniera chiara ed inequivocabile una questione molto controversa e piena di contrasti interpretativi anche in sede giurisprudenziale: le offerte per le gare possono essere presentate non soltanto attraverso il servizio postale, ma anche con un corriere privato munito di apposita autorizzazione statale.

Il fatto riguarda una gara ad evidenza pubblica per lavori di allargamento parziale di un cimitero, con aggiudicazione secondo il criterio del massimo ribasso percentuale rispetto alla base d’asta.
Secondo il disciplinare, cui il bando rinviava, la trasmissione dei plichi sarebbe dovuta avvenire, a pena di esclusione dalla gara, esclusivamente mediante servizio postale di stato.
L’esclusione impropria di 15 sui 16 concorrenti, infatti, è stata addotta al fatto di non aver utilizzato il servizio fornito da Poste italiane S.p.A. ma un corriere privato.
La pretesa dell’inoltro delle offerte mediante il servizio postale è legata alla garanzia dell’integrità dei plichi; tale garanzia, però, è ormai estesa anche a diversi corrieri privati dotati di apposita autorizzazione, nella quale viene verificata l’idoneità e la conformità alla normativa in materia.
Ed ecco presentato il ricorso ed il Tar del Molise, nelle motivazioni della sentenza, adduce il fatto che anche Poste Italiane spa non effettua direttamente la consegna, ma si avvale di un corriere privato al quale hanno affidato l’appalto delle consegne.
Implicitamente, quindi, si afferma che ci può essere una totale equivalenza tra il servizio postale e quello di appositi corrieri privati.
A cura di Paola Bivona
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa