TORNANO ALLA CITTA' DI PALERMO 258 IMMOBILI CONFISCATI

07/09/2007

2.597 volte
Siglato a Palermo il protocollo d'intesa tra il ministero dell'Economia e delle Finanze, il Comune di Palermo, la Prefettura e l'Agenzia del Demanio per la destinazione alla città capoluogo di 258 immobili confiscati alla criminalità organizzata. “E' la maggiore assegnazione fatta finora in un'unica soluzione dall'Agenzia”, ha sottolineato il Direttore dell'Agenzia del Demanio, Elisabetta Spitz. “La Sicilia - ha aggiunto - è la regione con più beni confiscati in Italia, oltre mille nella sola Palermo. Per ora ne abbiamo assegnati 258 ma entro fine anno procederemo a un’altra consegna di beni”. Gli immobili verranno assegnati a partire da fine settembre, in quattro tornate fino alla fine del 2007.
Sono complessivamente 4.045 i beni confiscati finora destinati, contro i 3.654 ancora in gestione.
Da gennaio ad oggi, infatti, l'Agenzia del Demanio ha destinato 552 beni immobili confiscati. I beni destinati nel Comune di Palermo passano dal 22% al 38%.
Gli immobili assegnati con la firma del protocollo riguardano 112 tra appartamenti e ville, 43 box, 38 locali, 7 fabbricati, 29 terreni e 29 beni definiti “altre pertinenze”.
Il viceministro delle Finanze, Vincenzo Visco , ha sottolineato che “dieci anni fa non si sapeva neanche dove si trovavano gli immobili della mafia. Adesso rimane il problema procedurale: quando scatta l'indagine antimafia il bene viene sequestrato, poi iniziano i processi che in Italia durano a lungo e a volte non finiscono mai e nel frattempo il bene si deteriora”.

Visco ha dichiarato che “l'anno prossimo l'Agenzia del Demanio sarà in grado di eliminare i blocchi”. Per il Prefetto di Palermo, Giosuè Marino “Il recupero di questi beni riafferma la sovranità dello Stato e consente alla cittadinanza il riutilizzo degli immobili per fini sociali”. Molti beni sono stati già assegnati alle forze dell'ordine, altri saranno adibiti a scuole e altri ad appartamenti per i senzatetto”.
A sua volta, il sindaco di Palermo, Diego Cammarata ha sottolineato “l'importanza di aver ottenuto anche l'assegnazione degli immobili in cui troveranno sede uffici e scuole comunali.”.
“Il Demanio - ha aggiunto la Spitz - ha da tempo avviato delle procedure più rapide per l'assegnazione dei beni, che comunque devono fare i conti con i tempi lunghi dei processi”.
Dopo Palermo, un altro protocollo d'intesa verrà firmato nei prossimi giorni a Bari per la consegna da parte dell'Agenzia del Demanio di altri beni confiscati alla criminalità organizzata..

Fonte: www.demaniore.com
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa