PROTOCOLLO D'INTESA PER VALORIZZARE 22 IMMOBILI

24/10/2007

3.084 volte
Con il Protocollo d'intesa tra il ministero delle Finanze, la Regione Lazio e l'Agenzia del demanio, 22 tra caserme, carceri o depositi munizioni presenti nelle province di Roma e Latina, in precedenza di proprietà della Difesa, verranno valorizzati e trasformati in luoghi per i cittadini.
A firmare l'Intesa il vice ministro delle Finanze Vincenzo Visco, il presidente del Lazio Piero Marrazzo, il direttore dell'Agenzia del Demanio Elisabetta Spitz.
L'intesa rientra nel Programma unitario di valorizzazione (Puv), che prevede contestualmente la costituzione di un Tavolo tecnico operativo, con tutti i rappresentanti istituzionali interessati, per la predisposizione del progetto tecnico. Visco ha ricordato che “nella modernizzazione del Paese questo recupero ad usi sociali di beni dismessi è strategico per l'Italia. Ci sono tanti beni - ha aggiunto - bisogna avere la pazienza di mettere insieme i pezzi”, ma in sinergia con le istituzioni locali perché “non ha senso vendere una caserma senza che il Comune interessato abbia fatto il Piano regolatore”. A Visco ha fatto eco Marrazzo sottolineando l'importanza della “collaborazione nella filiera istituzionale per garantire l'accelerazione dei processi, la valenza sociale ma, anche, la valorizzazione economica dei beni dismessi da anni”.

L'intesa con il Ministero delle Finanze e l'Agenzia del Demanio rappresenta per il presidente della regione Lazio “uno strumento di pianificazione urbanistica e di profondo cambiamento del territorio. Come Regione - ha aggiunto Marrazzo - siamo al servizio degli enti locali. Valorizzando immobili dismessi dimostriamo la capacità di dare risposte ai cittadini. Perché valorizzare luoghi come questi significa poter cambiare la vita di alcune comunità. Da troppi anni - ha aggiunto - luoghi importanti sono chiusi e il cittadino quando sviluppa il senso di antipolitica lo fa anche perché vede che il patrimonio pubblico viene depauperato”. Sulla stessa linea l'assessore al Patrimonio della Regione Lazio, Marco Di Stefano, che insieme al direttore dell'Agenzia del Demanio Elisabetta Spitz ha istruito il Protocollo “La Regione - ha spiegato Di Stefano - ha solo un ruolo di coordinamento, perché non vi siano intoppi nella corretta applicazione delle norme architettoniche e ambientali”.
Saranno infatti i Comuni a dover presentare le proposte che verranno valutate dal Tavolo tecnico operativo. Elisabetta Spitz ha infine annunciato che “altri beni potranno aggiungersi a quelli contemplati nell'intesa così da coinvolgere altre province del Lazio”.
I beni coinvolti nel PUV Il Programma Unitario di Valorizzazione segue quelli già firmati con la regione Liguria, il Comune di Bologna e il Comune di Ferrara.

I beni inseriti nel PUV sono: In provincia di Roma, a Civitavecchia, la Caserma Stegher, l'ex caserma Menabrea, l'infermeria presidiaria ospedale militare, il Carcere giudiziario, l'ex palazzo Gargano, il Forte Michelangelo, l'ex Deposito munizioni R104 Frassinello; mentre a Guidonia Montecelio, l'ex Fornace Sacchi, l'ex officina Peghetti, l'aeroporto di Guidonia (solo aree esterne); a Pomezia, il Deposito P.O.L. “Monte d'Oro” e a Rocca di Papa, il Campo di Tiro a Segno. In provincia di Latina: a Gaeta, la caserma S. Angelo Basso con annessa Chiesa S. Michele, la Vecchia tipografia, il Forte Emilio Savio, la Casa Tosti, il Cortile Retrostante Casa Tosti, il Torrione francese, la Caserma Cialdini, la Casina della ex Villa Reale e l'ex Caserma Vittorio Emanuele II con annessa Chiesa S. Domenico; infine, a Cisterna, il Campo di tiro a segno.

Fonte: www.demaniore.it © Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa