PROGETTARE EDIFICI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE: LA CASA 2 LITRI

22/10/2007

5.265 volte
I criteri di scelta ai fini di un’edilizia sostenibile devono rispondere a severi requisiti come l’applicazione di processi produttivi a basso consumo di energia, la facilità di manutenzione, la riciclabilità dei componenti e l’analisi del ciclo di vita di ogni materiale utilizzato. Il progetto “Casa da 2 Litri” propone le linee guida per costruire una casa in grado di consumare annualmente 2 litri di gasolio (equivalenti a 20 Kwh/m2) per il riscaldamento e l’illuminazione. Questo nuovo modello dimostra come l’utilizzo di PVC, nei serramenti, pavimenti e scarichi, e di EPS, per le sue capacità termiche ed acustiche, permette di costruire con idee nuove e nel completo rispetto dell’ambiente.

L’incontro, organizzato dall’AIPE (Associazione Italiana Polistirolo Espanso) e dal Centro di informazione sul PVC, patrocinato dagli ordini degli Architetti, Geometri ed Ingegneri della provincia di Bologna, si terrà a Bologna in occasione del SAIE all’ingresso Michelino il prossimo 25 ottobre dalle 10 alle 13.

Programma
Esempi di attuazione di regolamenti energia/ambiente nel Comune di Ozzano (BO) - Loretta Masotti, Sindaco - Maurizio Bergami, Ufficio tecnico
L’abilitazione dei professionisti per la certificazione energetica - Ing. Gabriele Raffellini, Consigliere dell’Ordine degli Ingegneri di Bologna
Qualificazione energetica degli edifici: norme, decreti, regolamenti - Prof. Vincenzo Corrado, Politecnico di Torino, Dipartimento di Energetica
Progettare edifici a basso impatto ambientale - Arch. A. Marata • Arch. A. Ballocchi, Studio Arkit, Bologna
Costruire la Casa da 2 Litri - Ing. Marco Piana, AIPE e Centro di Informazione sul PVC
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa