DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

28/01/2008

7.565 volte
L’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 18/E del 24 gennaio scorso, in risposta ad un quesito formulato da un contribuente riguardante l’applicabilità dell’agevolazione per spese di ristrutturazione edilizia, in presenza di un servizio di bed & breakfast, offerto nella casa di abitazione oggetto degli interventi di ristrutturazione si è espressa nel senso che nell’ipotesi di interventi di ristrutturazione edilizia su un’abitazione, utilizzata saltuariamente per il servizio di alloggio di ospiti con prima colazione (bed & breakfast), la detrazione IRPEF del 36% (art.1, commi 17-19, legge n. 244/2007), applicabile alle spese relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente, è riconosciuta in misura pari al 50%.

Nella risoluzione l’Agenzia dopo aver richiamato la normativa vigente in materia di attività turistico alberghiera, in base alla quale è possibile qualificare l’attività ricettiva come bed & breakfast nel caso in cui il servizio sia offerto nella casa di abitazione ed in modo saltuario o per periodi ricorrenti o stagionali, precisando, anche che la normativa stessa, a decorrere dal 1997, è regolamentata a livello regionale, ha chiarito che:
  • la compresenza del titolare e degli ospiti nelle unità immobiliari messe a disposizione possa far ritenere che l’attività di bed & breakfast, qualora esercitata in modo non sistematico o abituale, ossia in assenza dei presupposti che integrano l’esercizio di attività rilevante ai fini del reddito d’impresa, non rientra tra quelle di sfruttamento dell’immobile per l’esercizio di attività di impresa, essendo questo destinato principalmente a soddisfare le esigenze abitative di coloro che offrono ospitalità concorrendo a tassazione come reddito diverso, ai sensi dell’art. 67, comma 1, lett. i), del D.P.R. n. 917/1986 (TUIR);
  • la detrazione del 36% per gli interventi di ristrutturazione dell’unità immobiliare residenziale, utilizzata promiscuamente per l’esercizio dell’attività di bed & breakfast, è riconosciuta nella misura del 50% (così come previsto per gli immobili residenziali adibiti promiscuamente all’esercizio di arti, professioni, o di attività commerciale - cfr. C.M. 57/E/1998).
A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa