PROGRAMMA SPERIMENTALE SPETTRI DI RISPOSTA

29/02/2008

13.444 volte
Sul sito del Consiglio superiore dei Lavori pubblici è in linea ed è possibile scaricare il programma sperimentale “Spettri di risposta” che fornisce gli spettri di risposta rappresentativi delle componenti (orizzontali e verticale) delle azioni sismiche di progetto per il generico sito del territorio nazionale.
La definizione degli spettro di risposta relativi ad uno Stato Limite è articolata nelle seguenti tre fasi, ciascuna delle quali prevede la scelta dei valori di alcuni parametri da parte dell’utente:
  • fase 1 con individuazione della pericolosità del sito;
  • fase 2 con la scelta della strategia di progettazione;
  • fase 3 con la determinazione dell’azione di progetto.
Nella fase 1, l’individuazione della pericolosità del sito può essere effettuata sia con ricerca per mezzo di coordinate o, semplicemente con ricerca per comune.
Nella fase 2 viene effettuata la scelta della strategia di progettazione con l’inserimento della vita nominale in anni e la classe d’uso della costruzione che devono essere ricavate rispettivamente dalla Tabella 2.4.I e dalla Tabella 2.4.II allegate alle nuove norme tecniche di cui al D.M. 14 gennaio 2008.
Nella fase 3 vengono determinati gli spettri di risposta in funzione di alcuni dati da inserire a cura dell’utente, quali lo stato limite considerato, la risposta sismica locale e le componenti orizzontali e verticali.

Per mezzo del programma è, dunque, possibile visualizzare e stampare i risultati delle elaborazioni - in forma sia grafica che numerica - nonché i relativi riferimenti alle nuove Norme Tecniche per le Costruzioni di cui al D.M. 14.01.2008 pubblicato sul supplemento ordinario n. 30 alla Gazzetta ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2008.
Sul sito del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici è precisato che la verifica dell'idoneità del programma, l'utilizzo dei risultati da esso ottenuti sono onere e responsabilità esclusiva dell'utente e che il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici non potrà essere ritenuto responsabile degli eventuali danni conseguenti all'utilizzo dello stesso.

A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa