STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

03/04/2008

4.732 volte
Con la circolare n. 8 dello scorso 31 marzo, il Ministero del lavoro e della previdenza sociale ha fornito nuove indicazioni sul processo di trasformazione dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa in rapporti di lavoro subordinato. Il D.L. 248/2007, convertito dalla Legge 31/2008 ha prorogato al 30 settembre, considerate le criticità operative che hanno accompagnato il primo periodo di applicazione, il termine per aderire alla procedura di trasformazione dei rapporti di lavoro subordinato disciplinata dall'art. 1, commi 1202 e ss., della Legge 296/2006.

L'art. 1, comma 1203 della citata Legge 296/2006 stabilisce che gli accordi sindacali promuovono la trasformazione dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, mediante la stipula di contratti di lavoro subordinati. La circolare chiarisce subito che parlando di trasformazione, la procedura presuppone, all'atto dell'attivazione della stessa, la necessaria sussistenza del rapporto di collaborazione e la conseguente preclusione ai rapporti di collaborazione già ricondotti ad una tipologia contrattuale di natura subordinata.

La nota fornisce, inoltre, ulteriori delucidazioni in merito alle tipologie di contratto meritevoli di migliore considerazione per l'applicazione della procedura di trasformazione, ed in particolare quegli accordi che prevedono criteri prioritari di trasformazione mediante:
  • contratti di lavoro a tempo pieno e indeterminato;
  • contratti part-time a tempo indeterminato superiori a 25 ore settimanali;
  • contratti a tempo determinato (non inferiori ai 24 mesi);
  • contratti di apprendistato.
Per quanto concerne i destinatari, l'accordo prevede la stabilizzazione delle posizioni di tutti i lavoratori per i quali sussistano le stesse condizioni dei lavoratori la cui posizione sia stata oggetto di accertamenti ispettivi. L'accordo prevede anche la trasformazione di tutti quei rapporti di collaborazione già oggetto di accertamento in sede amministrativa o giudiziale, purché non esistano provvedimenti o sentenze di natura definitiva, che abbiano già ricondotto i predetti accordi nell'ambito di lavoro subordinato con conseguenti effetti sia sul piano contributivo che su quello sanzionatorio.

L'art. 1, comma 1210 della Legge 296/2006 prevede che la durata del rapporto subordinato abbia una durata di almeno 24 mesi. In relazione a questo comma, non è ammissibile nessuna deroga, pena la decadenza della procedura di trasformazione. L'unica eccezione è rappresentata dall'opotesi di cessazione per giusta causa o dimissioni del lavoratore secondo la procedura introdotta dalla Legge 188/2007.


© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa