STAZIONE UNICA APPALTANTE

22/10/2008

3.458 volte
Con la nomina di Salvatore Boemi a commissario, parte ufficialmente la Stazione unica appaltante alla quale la Regione Calabria delegherà le proprie competenze in materia di appalti e forniture al di sopra della soglia di 150 mila euro. La legge, voluta dal presidente Agazio Loiero, approvata in modo definitivo prima dalla Giunta e poi dal Consiglio regionale, rappresenta un fatto di grande importanza politica e strategica ma anche un veicolo di trasparenza e uniformità contro le possibili infiltrazioni malavitose. L’obiettivo, con questa legge avanzata, è quello di concentrare la spesa sul modello del Centro unico di acquisto ma anche quello di liberare l’Amministrazione regionale di funzioni che riguardano gli appalti, garantendo maggiore trasparenza e controllo dell’illegalità. La Stazione avrà il compito inoltre di certificare la qualità e di istituire un osservatorio regionale.

In particolare, l’articolo 1 della Legge istituisce la Stazione unica appaltante come Autorità regionale, con il compito di svolgere attività preparatoria, di indizione, di aggiudicazione e di vigilanza nella materia dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. La Sua avrà piena autonomia, sia sotto il profilo organizzativo che contabile. Per questa ragione dovrà dotarsi di propri regolamenti che stabiliscano la composizione degli uffici operativi. Significativa è la parte della Legge in cui si prevede la costituzione di un osservatorio regionale sui contratti pubblici. Si tratta di una banca dati in cui saranno raccolte tutte le opere e i relativi dati statistici. Il nuovo organismo si finanzierà con l’1 per cento riferito all’importo a base d’asta.

a cura di www.regione.calabria.it
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa