ITALIANI IN FUGA DAI MUTUI

04/11/2008

2.090 volte
La crisi spinge gli italiani in fuga dai mutui: pagare la rata crea difficoltà serie all’84% degli italiani, tanto che per il 2009, un’ampia fetta del 64% esclude categoricamente di accendere nuovi mutui e solo l’8% si dichiara invece pronto a farlo. Ma già quest’anno la rinuncia a rate, prestiti e mutui è forte e ha riguardato il 50% degli intervistati.
Lo rivela un sondaggio Confesercenti-Swg, secondo il quale ogni mese in media esce dalle tasche delle famiglie 478 euro, ma per il 23% degli intervistati la spesa lievita tra 500 e 1.000 euro, mentre un altro 10% sborsa fra i 1.000 e i 2.000 euro. Salato il tasso che emerge dal sondaggio: attorno al 7% quello medio, ma per un italiano su 4 sale fra l'8% e il 20%.

Ma quante volte ricorrono gli italiani alle varie forme di prestito? In media circa tre volte negli ultimi 3 anni, ma c’è anche un 7% che vi ha fatto ricorso più di 5 volte. Due le motivazioni principali: il 57% intendeva ridurre l’impatto del pagamento; un altro 41% non era in possesso dell’intera cifra.
La “regina” dei desideri per i quali gli italiani sono disposti a indebitarsi è, naturalmente, la casa.
Subito dopo viene l'auto. A seguire si rateizzano più frequentemente le spese per elettrodomestici e mobili, computer e altri prodotti tecnologici.

Per far fronte al mutuo o al prestito, le famiglie riorganizzano i bilanci e per prima cosa tagliano le risorse per le vacanze (il 21%), quindi il tempo libero (20%).
Fino ad oggi i risparmiatori intervistati ritengono di aver perso quasi il 17% in termini di rendimento dei propri investimenti fatti. Il portafolio del risparmio degli italiani appare così composto: il 22% in conti correnti, il 17% in fondi, il 15% in Bot e altri titoli di Stato. Solo un 10% si è indirizzato verso le azioni, mentre un 2% tiene addirittura i soldi in casa.
Tale fetta è però destinata ad accrescersi di almeno un punto nei prossimi mesi, dominati - stando alle risposte date al sondaggio Confesercenti-Swg - dalla preferenza dei risparmiatori per Bot e titoli di Stato, per difendersi dalla crisi. Solo un 2% punterà ad investimenti sulle materie prime e sull’oro in particolare. Ma la prudenza dei risparmiatori italiani emerge anche da un'altra percentuale: quella di chi non modificherà i propri investimenti, pari all’11%. Nella tabella Confesercenti-Swg, le intenzioni degli italiani per gli investimenti futuri:

TIPOLOGIA INVESTIMENTO          
%
BOT O ALTRI TITOLI STATO       
18
IMMOBILI                       
10
CONTI CORRENTI BANCARI         
9
FONDI                           
8
BUONI POSTALI                   
7
AZIONI                          
7
C/C ON LINE ALTO RENDIMENTO     
5
POLIZZE ASSICURATIVE            
4
FONDI PENSIONE                  
3
LI CONSERVERA' A CASA           
3
ORO                             
2
NON MODIFICHERA' INVESTIMENTI  
11
ALTRO                           
2
NESSUNA TIPOLOGIA INVESTIMENTO 
23
NON SAPREI                    
12


Fonte: www.demaniore.com
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa