PARTE DA AGRIGENTO LA RACCOLTA DI FIRME CONTRO LA RIFORMA

19/11/2008

4.341 volte
È stata lanciata ieri, presso la sede dell'Ordine degli Architetti P.P.C della provincia di Agrigento, la raccolta firme per chiedere la revoca e la revisione della riforma statutaria recentemente approvata dal Comitato Nazionale di INARCASSA (Cassa di Previdenza dei Liberi Professionisti Ingegneri ed Architetti), che ha imposto aumenti del contributo soggettivo, dal 10% al 14,5% (entro il 2012) ed il raddoppio immediato del contributo integrativo, che dal 2% raggiungerà il 4%, già dal 2009.

In un'intervista rilasciata alla redazione di LavoriPubblici.it il Presidente della Consulta Regionale degli Ordini degli Architetti della Sicilia e dell'Ordine degli Architetti P.P.C. della Procincia di Agrigento Arch. Rino La Mendola, pur comprendendo il disagio economico che in questo periodo INARCASSA è costretta ad affrontare, ha affermato che "Pur essendo ben consapevoli delle difficoltà che INARCASSA è costretta a superare per garantire la sostenibilità dell'Ente, nel rispetto delle attuali norme in materia di previdenza siamo certi anche che sia stata esasperata, oltre ogni previsione, la pressione contributiva a carico dei liberi professionisti ingegneri e architetti che rappresentano, in questo momento, una categoria in sofferenza a causa della progressiva crisi del mercato del lavoro di settore e a causa di una normativa sull'affidamento degli incarichi professionali, fondata essenzialmente su parametri selettivi di tipo quantitativo come la valutazione del fatturato o del ribasso dell'onorario; parametri che continuano a mortificare la loro professionalità"..

In tale momento di grave crisi del settore, - ha proseguito il Presidente La Mendola - troviamo davvero esagerato un repentino aumento del contributo soggettivo che, in tre anni, passerà dal 10% al 14,5% (aumento del 45%); mentre il contributo integrativo verrà aumentato dal 2% al 4% (aumento 100%) entro il 1 gennaio 2009".

Il Presidente La Mendola ha sottolineato che "La riforma, appena approvata punisce i professionisti che non raggiungono il reddito di 10.000 euro annui, i quali rappresentano proprio la parte più debole della categoria, che, al contrario, dovrebbe essere maggiormente aiutata"..

Infine, "Stiamo raccogliendo le firme al fine di sostenere l'azione dei delegati siciliani all'Assemblea di INARCASSA, con l'obiettivo di indurre il Comitato Nazionale a rivedere le riforme, appena approvate, valutando l'ipotesi di una maggiore dilazione nel tempo degli aumenti proposti e di un maggiore coinvolgimento della base".

Per tale motivo, opponendosi con fermezza a tale riforma, gli architetti di Agrigento, hanno chiesto con forza il blocco e la ridiscussione delle suddette modifiche statutarie con una raccolta di firme che proseguirà in tutte le province siciliane, per concludersi entro il prossimo 20 Dicembre.


© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa