IL DIRITTO DI DETRAZIONE VIENE TRASFERITO IN CASO DI CESSIONE DELLA QUOTA RESIDUA

27/03/2009

7.305 volte
Il trasferimento della quota residua di un immobile al soggetto già proprietario della restante quota, comportando il consolidamento dell'intera proprietà dell'immobile in capo all'acquirente, realizza una fattispecie assimilabile alla cessione dell'intera proprietà immobiliare, con il conseguente trasferimento del diritto di detrazione irpef del 36%, in caso di ristrutturazione dell'immobile, dal venditore all'acquirente.

Questo, in sintesi, il contenuto della risoluzione n. 77/E dello scorso 24 marzo, mediante la quale l'Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti in merito al trasferimento del diritto di detrazione residua in ipotesi di cessione della quota di proprietà dell'immobile interessato da lavori di recupero del patrimonio edilizio. In particolare, il caso esaminato dall'Agenzia riguardava il trasferimento di una quota parte del 50% di un'immobile ristrutturato ed in cui si sta beneficiando della detrazione irpef del 36% verso la persona già in possesso del restante 50% dell'immobile.

Come ricordato dall'Agenzia, l'art. 1, comma 7, della legge n. 449/1997, in materia di detrazioni spettanti per gli interventi di recupero edilizio, stabilisce che "In caso di vendita dell'unità immobiliare sulla quale sono stati realizzati gli interventi di cui al comma 1, le detrazioni previste dai precedenti commi non utilizzate in tutto o in parte dal venditore spettano per i rimanenti periodi di imposta di cui al comma 2 all'acquirente persona fisica dell'unità immobiliare."

L'Agenzia ha, inoltre, chiarito che il diritto a effettuare la detrazione del 36%, in caso di cessione dell'edificio (o della unità immobiliare) in cui sono stati effettuati i lavori di recupero, spetta:
  • all'acquirente dell'intera proprietà dell'immobile (o unità immobiliare) oggetto dei lavori di recupero;
  • all'acquirente di una porzione dell'edificio in cui sono stati effettuati i lavori;
  • all'acquirente di una quota parte dell'intero edificio (o unità immobiliare) oggetto dei lavori di recupero, che, con l'acquisto consolida l'intera proprietà dell'immobile (o unità immobiliare).
Nel caso in cui si acquisti una quota di comproprietà dell'immobile (o unità immobiliare) senza divenire proprietario esclusivo dell'immobile, l'acquirente non ottiene alcun diritto a detrazione, la quale deve essere continuata dal venditore. In definitiva, la residua detrazione Irpef spettante in materia di ristrutturazioni del patrimonio edilizio, si trasmette alla parte acquirente non solo in ipotesi di cessione dell'intero immobile, ma altresì qualora, per effetto della cessione pro-quota, la parte acquirente diventa proprietaria esclusiva dell'immobile.


© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa