I limiti dell'in-house providing e il controllo analogo nella deliberazione Avcp n. 51

14/07/2011

5.325 volte
Con Deliberazione n. 51, Adunanza del 18 maggio 2011, l'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e formiture ha affermato che deve escludersi la praticabilità dello schema dell'in house providing nel settore dei lavori pubblici.
L'istituto suddetto, operando in deroga ai principi generali, che prevedono il ricorso al mercato attraverso procedure di evidenza pubblica, è, infatti, insuscettibile di applicazione estensiva e può essere impiegato unicamente ai fini dell'autoproduzione di beni e servizi da parte delle pubbliche amministrazioni.

Con riferimento alla fattispecie portata all'attenzione dell'Autorità è stata, inoltre, approfondita la questione del "controllo analogo", che si configura come presupposto essenziale per l'affidamento in house.
In particolare, il "controllo analogo" deve concretizzarsi come una "relazione di subordinazione gerarchica" tra l'ente pubblico affidante e gli organi societari. Affinchè ciò si verifichi, l'ente pubblico affidante deve esercitare poteri di ingerenza e di condizionamento superiori a quelli tipici del diritto societario, caratterizzati da un margine di rilevante autonomia della governance della società rispetto alla maggioranza azionaria.
Deve, pertanto, escludersi che tale rapporto possa riscontrarsi nell'istituzione in seno al Consiglio comunale di un comitato preposto al "controllo analogo" al quale non siano riconosciuti poteri di gestione diretta, ma di sola verifica.

La Deliberazione viene incontro alle necessità espresse dell'Ance, che ha in più occasioni denunciato il restringimento del mercato degli appalti pubblici, causato dall'aumento dei lavori affidati attraverso l'istituto dell'in house providing.

Fonte: www.ance.it
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa