Rendita catastale presunta, i tributi speciali passano in F24

01/03/2012

4.401 volte
Il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 8 novembre 2011 ha esteso le modalità di versamento unitario stabilite dall'articolo 17 del D.Lgs. n. 241/1997, al pagamento dei tributi speciali catastali, dei relativi accessori, interessi e sanzioni, nonché al pagamento delle somme comunque dovute per l'inosservanza della normativa catastale da riscuotersi a cura dell'Agenzia del Territorio.

Il 24 febbraio 2012, l'Agenzia delle Entrate e l'Agenzia del Territorio hanno pubblicato il provvedimento n. 14335 recante "Estensione delle modalità di versamento unitario previste dall'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, ai tributi speciali catastali, agli interessi, alle sanzioni e agli oneri accessori, dovuti per l'attribuzione d'ufficio della rendita presunta di cui all'articolo 19, comma 10, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122", con il quale le modalità di versamento unitario sono attivate per i pagamenti delle somme da riscuotersi a cura dell'Agenzia del Territorio per l'attribuzione d'ufficio della rendita presunta di cui all'articolo 19, comma 10, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78.

Come evidenziato, infatti, in un comunicato congiunto, in un'ottica di razionalizzazione dei sistemi di pagamento il sistema del versamento unificato garantisce una maggiore efficienza nella gestione del sistema tributario e, trattandosi di un sistema di pagamento moderno ed efficace, rappresenta un ulteriore progresso verso la semplificazione degli adempimenti fiscali dei contribuenti, che già utilizzano il modello F24 per il pagamento di numerosi tributi.

Il modello F24 apre, dunque, anche ai tributi speciali catastali e ai relativi interessi, sanzioni e oneri accessori, oltre che alle somme dovute per l'inosservanza della normativa catastale, che devono essere versati dai contribuenti per i quali è stata attribuita d'ufficio una rendita presunta dell'immobile, in base all'articolo 19, comma 10, del Dl 78/2010.

A cura di Gabriele Bivona
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa