Agenzia del Territorio: Consultazione delle banche dati catastali e ipotecaria

01/10/2012

5.426 volte
L'Agenzia del Territorio, ha pubblicato la circolare n. 4/2012, che illustra le novità introdotte dall’articolo 6 del decreto legge n. 16 del 2012, in materia di accesso alle banche dati ipotecaria e catastale.
Tra le più importanti, la nuova Tabella dei tributi speciali catastali, che si applica da oggi 1 ottobre 2012, e che prevede il pagamento per la consultazione degli atti del catasto, nonché le nuove tariffe per la presentazione degli atti di aggiornamento del catasto edilizio urbano.
Le modifiche alla tabella dei tributi speciali (titolo III della tabella A allegata al decreto-legge 31 luglio 1954, n. 533, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 settembre 1954, n. 869) viene effettuata con la sostituzione del numero d'ordine 2.2 relativo alla presentazione delle dichiarazioni di nuova costruzione ovvero di variazione e con l'inserimento del numero d'ordine 3 bis riguardante la consultazione degli atti catastali.
Da oggi 1 ottobre sono, quindi, soggette al pagamento dei tributi i seguenti atti del catasto:
  • atti cartacei (registri di partita, mappa catastale, tipi di frazionamento etc.);
  • banca dati censuaria;
  • mappa catastale informatizzata.

Un'altra modifica importante riguarda la tabella delle tasse ipotecarie (allegata al Dlgs 31 ottobre 1990 n. 347) e precisamente al numero d'ordine 6 dove viene disposto che per il rilascio dell'elenco soggetti sono dovuti anticipatamente euro 0, 15 per ogni soggetto compreso nell'elenco stesso.

Segnaliamo, inoltre, le modifiche in materia di tasse ipotecarie, il nuovo sistema di consultazione delle banche dati da parte delle Pubbliche Amministrazioni e degli Agenti della riscossione, nonché la gratuità delle visure e delle ispezioni cosiddette "personali".
A questo proposito, la circolare chiarisce che le visure personali in regime di gratuità vengono rilasciate, in catasto, all'intestatario degli immobili e, per le ispezioni sui registri immobiliari, all'attuale titolare della proprietà o di altro diritto reale di godimento sul bene.

A cura di Gabriele Bivona
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa