SISTRI: Semplificazioni in vista per il controllo della tracciabilità dei rifiuti

28/08/2013

4.887 volte
Semplificazioni in vista per il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti (SISTRI). Ad annunciarlo è stato il Consiglio dei Ministri n. 21 del 26 agosto scorso che ha anticipato alcuni modificazioni all'attuale normativa in materia che renderanno il SISTRI molto più semplice dal punto di vista operativo e riguarderà principalmente i rifiuti pericolosi.

In particolare, i produttori iniziali di rifiuti pericolosi e gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale, o che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi, inclusi i nuovi produttori, potranno aderire al sistema di controllo su base volontaria.

Ricordiamo che con la pubblicazione del Decreto del Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare 20 marzo 2013 recante "Termini di riavvio progressivo del Sistri" (G.U. n. 92 del 19 aprile 2013) è stato deciso un avvio graduale e progressivo per il SISTRI in modo da consentire:
  • agli operatori di verificare i dati inseriti all'interno del sistema ed aggiornare i software di utilizzo,
  • e al Ministero di introdurre le semplificazioni già segnalate dalle associazioni di categoria e successivamente quelle che si renderanno necessarie sulla base della verifica di funzionamento del Sistri.

In particolare, per l'entrata in operatività del Sistri, sono stati previsti i seguenti due periodi:
  • Dal 30 aprile al 30 settembre 2013 i produttori di rifiuti speciali pericolosi con più di 10 dipendenti e gli enti e le imprese che gestiscono rifiuti speciali pericolosi, cioè le imprese più grandi e meglio organizzate, sono tenute ad "allineare" i dati e le informazioni già inserite a sistema In questo periodo potranno essere introdotte modifiche e semplificazioni necessarie per il migliore funzionamento del sistema e per la riduzione degli oneri amministrativi ed organizzativi a carico delle imprese. Per queste imprese il sistema sarà pienamente operativo a partire dal 1° ottobre 2013.
  • Per gli altri operatori il periodo di "allineamento" è compreso tra il 1 ottobre 2013 ed il 2 marzo 2014.
A partire dal 3 marzo 2014 il sistema sarà pienamente operativo.

Come annunciato dalla nota di Palazzo Chigi: "Il SISTRI sarà operativo dal primo ottobre prossimo per i nuovi produttori, per chi raccoglie, trasporta e tratta i rifiuti pericolosi e anche per enti e imprese che lo vogliano utilizzare su base volontaria mentre per i produttori cosiddetti iniziali, per i Comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani della Campania l'inizio dell'operatività sarà il 3 marzo 2014. Le semplificazioni sono finalizzate anche ad assicurare la riduzione dei costi di esercizio del sistema e verranno stabilite periodicamente con decreto del ministro dell'Ambiente".

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa