Terremoto centro-Italia: Trasferiti alle Regioni 100 milioni per rimozione delle macerie

17/01/2018

1.731 volte

Sulla Gazzetta Ufficiale n.11 del 15 gennaio 2018 è stata pubblicata l'Ordinanza n. 495 del 4 gennaio 2018 della Protezione civile recante “Attuazione dell'articolo 16-sexies, comma 3, del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2017, n. 123”. L’ordinanza è costituita da un unico articolo con cui al primo comma è stabilito che la somma di euro 100 milioni, a valere sulle risorse del Fondo di solidarietà dell'Unione europea viene assegnata, a titolo di anticipazione, alle regioni interessate dagli eventi sismici del 24 agosto 2016, in misura proporzionale alla stima complessiva delle macerie dalle stesse quantificata; nello stesso comma 1 è, anche, stabilito che la somma di 100 milioni di euro confluisce sulle rispettive contabilità speciali al fine di garantire la prosecuzione, senza soluzione di continuità, delle attività di cui all'art. 28, comma 4, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito con modificazioni, dall'art. 1, comma 1, della legge 15 dicembre 2016, n. 229.

Al comma 2, sempre dell’articolo unico è, poi, precisato che si provvede al trasferimento, sulle contabilità speciali istituite ai sensi del comma 2 dell'art. 4 dell'Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 388 del 26 agosto 2016, delle seguenti risorse:

  • euro 48.564.370,05 sulla contabilità speciale n. 6022 della Regione Lazio;
  • euro 41.624.646,10 sulla contabilità speciale n. 6023 della Regione Marche;
  • euro 3.773.455,33 sulla contabilità speciale n. 6020 della Regione Umbria;
  • euro 6.037.528,52 sulla contabilità speciale n. 6021 della Regione Abruzzo.
  • In allegato l'Ordinanza n. 495 del 4 gennaio 2018 della Protezione civile

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa