Notariato, nel 2017 registrate 440.193 compravendite di immobili

04/07/2018

1.800 volte
Notariato, nel 2017 registrate 440.193 compravendite di immobili

Come evidenziato nelle Statistiche trimestrali dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate (leggi articolo) e confermato dall'ultimo rapporto del Consiglio Nazionale del Notariato, prosegue contante la crescita del settore immobiliare che dal 2014 ha riassorbito quasi interamente le pesanti perdite nel numero delle compravendite registrate nel 2012.

La conferma è arrivata dal Rapporto "Dati statistici notarili anno 2017" pubblicato dal Notariato che ha scattato una fotografia inedita ed originale delle transazioni notarili, della loro tipologia, del loro valore, nonché delle caratteristiche dei soggetti che le pongono in essere, ottenuta attraverso il riscontro concreto delle operazioni eseguite negli studi dei notai, distribuiti su tutto il territorio nazionale.

La rilevazione, condotta in modalità informatica dal Consiglio Nazionale del Notariato tramite Notartel s.p.a., Società Informatica del Notariato, ha elaborato i dati del 96% dei notai in esercizio ed entro la fine del mese di luglio sarà pubblicato il rapporto annuale Dati Statistici Notarili (DSN) relativo alle compravendite di beni mobili e immobili, mutui, donazioni, imprese e società con il confronto tra il 2017 e 2016.

Per quanto concerne gli immobili, nel secondo semestre 2017 sono state registrate 440.193 compravendite di immobili di qualsiasi genere (dato comprensivo di 330.297 compravendite di fabbricati e 71.823 terreni).

Quanto ai mutui, concessi con nuova garanzia immobiliare (senza considerare le surroghe) nel secondo semestre sono state effettuate 175.855 nuove operazioni per un erogato complessivo di oltre 34 miliardi euro, registrando un calo rispetto al primo semestre, quando il capitale erogato è stato di complessivi 30.989.168.187 euro per 180.864 nuove operazioni. Le surroghe sono calate del 35,6% rispetto alla prima metà dell’anno.

Nella seconda metà del 2017 le donazioni di beni mobili sono aumentate del 18%, di queste, 1.851 riguardano le aziende, 6.664 quote e azioni e 5.044 donazioni di denaro. Sostanzialmente stabili le donazioni di beni immobili 67.439 nel secondo semestre rispetto alle 68.235 del primo.

In generale nel 2017 le costituzioni di nuove società sono maggiori nei primi sei mesi del 2017 (circa 70.892) rispetto al secondo semestre (55.241, dato sempre al netto delle associazioni temporanee di imprese).

Le ATI (associazioni temporanee di imprese), in controtendenza con le altre costituzioni di società, aumentano nel secondo semestre di circa il 5% confermando indirettamente gli investimenti nei settori pubblici, poiché l’associazione temporanea tra imprese è lo strumento tipico per la partecipazione agli appalti pubblici. Gli scioglimenti di società, anche, si concentrano per motivi fiscali e gestionali negli ultimi mesi dell’anno: 33.222 nel secondo semestre rispetto a 15.642 del primo, in coincidenza con la scadenza dell’anno solare.

In allegato il rapporto del Notariato.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa