Codice dei contratt: L’ANAC pubblica le linee guida n. 12 sui servizi legali

07/11/2018

2.821 volte

L’ANAC (Autorità Nazionale AntiCorruzione) con delibera n. 907 del 24 ottobre 2018 ha approvato le Linee guida n. 12 relative all’affidamento dei servizi legali che erano state già sottoposte al Parere 3 agosto 2018, n. 2017 del Consiglio di Stato (leggi articolo).

Oltre ai servizi legali esclusi dall’ambito applicativo del Codice dei contratti pubblici - puntualmente elencati all’articolo 17, comma 1, lettera d) - vi sono tipologie di servizi legali, che devono essere ricondotte nella categoria di cui all’Allegato IX e che devono ritenersi soggette alla disciplina codicistica, pur con alcune differenziazioni in tema di pubblicità.

A seguito delle perplessità manifestate dagli operatori del settore, l’Autorità ha ritenuto necessario elaborare un atto di regolazione ai sensi dell’articolo 213, comma 2, del Codice dei contratti pubblici, finalizzato a fornire indicazioni alle stazioni appaltanti per l’esatta individuazione delle tipologie di servizi legali rientranti nell’elenco di cui all’articolo 17 e di quelle rientranti nella categoria di cui all’Allegato IX, e per le modalità di affidamento di tali servizi.

Al riguardo, l’Autorità aderisce all’impostazione palesata dal Consiglio di Stato nel parere n. 2017 del 3 agosto 2018. L’affidamento dei servizi legali costituisce appalto, con conseguente applicabilità dell’allegato IX e degli articoli 140 e seguenti del Codice dei contratti pubblici, qualora la stazione appaltante affidi la gestione del contenzioso in modo continuativo o periodico al fornitore nell’unità di tempo considerata (di regola il triennio); l’incarico conferito ad hoc costituisce invece un contratto d’opera professionale, consistendo nella trattazione della singola controversia o questione, ed è sottoposto al regime di cui all’articolo 17 (contratti esclusi). Tale ricostruzione del regime delineato dal legislatore impone alle stazioni appaltanti la corretta individuazione del fabbisogno, anche allo scopo di evitare il frazionamento artificioso della commessa, vietato ai sensi dell’articolo 51 del Codice dei contratti pubblici.

Le nuove linee guida ANAC sui servizi legali contengono i seguenti paragrafi:

  1. Servizi legali ex articolo 17, comma 1, lettera d) del codice dei contratti pubblici
  2. I servizi legali di cui all’allegato ix del codice dei contratti pubblici
  3. Le procedure da seguire per l’affidamento dei servizi legali.

Le nuove Linee guida entreranno in vigore 15 giorni dopo la loro pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Con le linee guida l’ANAC ha, anche predisposto la Relazione AIR che descrive il contesto normativo, le motivazioni, gli obiettivi e le fasi del procedimento che hanno condotto all’adozione delle Linee guida n.12 recanti “L’affidamento di servizi legali”, approvate con delibera del Consiglio n .907 del 24 ottobre 2018. Nella relazione si dà evidenza, in particolare, delle ragioni che hanno guidato l’Autorità nell’adozione di alcune scelte di fondo, soprattutto con riferimento alle più significative osservazioni formulate in sede di consultazione; la Relazione è suddivisa nei seguenti paragrafi:

  • I. Contesto e obiettivi dell’intervento dell’autorità
  • III. La procedura di consultazione pubblica
  • IV. Valutazione dell’opzione di non intervento (“opzione zero”)
  • V.   Le scelte di fondo effettuate
  • VI. Valutazione delle opzioni alternative

In allegato le linee guida n. 12 - Affidamento dei servizi legali e la Relazione AIR.

 A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa