Appalti, luminarie natalizie: Incredibilmente, ogni anno d'improvviso arriva il Natale

29/04/2019

2.061 volte

Ogni anno, verso la fine dell’anno, accade un evento che per i comuni è sempre imprevisto ed imprevedibile: arriva il Natale.

E così i sindaci e gli assessori vanno nel panico. Quel vecchio vestito di rosso, infatti, giunge sempre del tutto inaspettato e senza avvertire. Però, per educazione e deferenza, i primi cittadini non possono sottrarsi al dovere di accoglierlo come si deve, con apparati di luminarie luccicanti e calde.

Purtroppo, il bizzoso e capriccioso Natale, giungendo alla sprovvista ed improvvisamente, costringe gli amministratori locali a rimediare, con strumenti eccezionali.

Su 8100 comuni italiani, quindi, sono - inevitabilmente - pochissimi quelli non indotti dall’imprevedibilità ed urgenza dello scorrere del calendario ad affidare gli appalti per le luminarie rispondendo, appunto, alla situazione di assoluta emergenza che si viene a creare.

Non possiamo né dobbiamo pronunciarci sulla vicenda che coinvolge il comune di Pinzolo proprio a causa dell’acquisizione delle luminarie, pur rimanendo dovere civico affermare l’attuale non colpevolezza di chi risulta indagato in quell’inchiesta.

Certo è che la vicenda di quel comune è emblematica di un sistema nel suo complesso ormai totalmente fuori controllo.

Sembra, infatti, ormai, agli occhi della politica, che dirigenti e funzionari “capaci” siano solo quelli che le norme le aggirano, non coloro che le applicano.

Spesso l’ignavia, l’indecisione, la distrazione sono il fondamento per accorgersi che di solito dopo il novembre arriva il dicembre, col suo fatidico 25. A quel punto, un appalto comodamente programmabile, diviene un caso.

La compagine politica va in fibrillazione; vista l’urgenza, sindaco ed assessori spingono i malcapitati funzionari che per qualche ragione debbono occuparsi della cosa ad immaginare qualsiasi possibile volo pindarico che consenta di non fare gare, perché “non c’è tempo” e “ai cittadini occorre garantire un servizio indispensabile per il rafforzamento del senso della cittadinanza”. Non di rado, accanto a queste considerazioni, si mette anche il nome di quell’azienda, di quella pro loco, di quell’associazione commercianti, di quella partecipata, di quel comitato, prontissimo ad installare ed accendere le luci, ma senza gara, ci mancherebbe.

Uno dei metodi negli ultimi anni più gettonati per aggirare le regole banali (non del codice dei contratti, ma della banalissima programmazione: l’appalto per le luci natalizie lo si potrebbe organizzare già il gennaio precedente, come è ovvio) è proprio quello di erogare un contributo a qualcuno (azienda, pro loco, associazione di commercianti, partecipata, comitato, etc.), che regolarmente, insieme con l’emergere “improvviso” dell’emergenza, si presenta come salvatore delle luminarie.

La vicenda di Pinzolo sul piano penale appare oggettivamente piuttosto forzata. Tuttavia, è emblematica di un modo di gestire i comuni e la pubblica amministrazione in generale totalmente fallimentare ed allergico al buon senso ed al raziocinio. E’ pur vero che molte norme sono scritte male e di difficile interpretazione ed attuazione, e tra queste il codice dei contratti primeggia. Tuttavia, se gli amministratori fossero un po’ meno “distratti” e riuscissero davvero a fare ciò che la legge, ma i cittadini per primi, chiedono loro, cioè programmare e dare un indirizzo - invece di interessarsi di tutt’altro - si otterrebbe la prima vera riforma epocale. A costo zero.

Tratto da luigioliveri.blogspot.com

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa