Cedimenti del terreno: consolidare le fondazioni con i micropali GEOSEC

02/04/2019

1.236 volte

La comparsa di crepe nei muri è accompagnata sempre da una grande preoccupazione, perché la casa è un patrimonio importante, un luogo sicuro per la famiglia. Intonacare le fessure è solo una soluzione temporanea e non risolve il problema in modo definitivo. Dopo qualche tempo, infatti, le crepe si ripresentano e diventano anche più ampie.

Si tratta di un problema diventato molto comune negli ultimi anni: i cambiamenti climatici, l'innalzamento delle temperature, lunghi periodi di siccità alternati a piogge copiose o ingenti, perdite fognarie, sono le principali cause di cedimenti del terreno e della conseguente comparsa di crepe nei muri.

Le cause del cedimento

Il terreno è costituito da tre parti: una solida, una liquida e una gassosa. A volte, per cause naturali o per mano dell'uomo, una di queste parti subisce variazioni anomale, rompendo l'equilibrio tra terreno e fondazione della casa.

Se un terreno è argilloso si comporta come una spugna, assorbendo grandi quantità d’acqua, poi in caso di siccità o di periodi molto caldi, la parte liquida evapora, il volume del terreno diminuisce e si creano dei vuoti.
Se il terreno è sabbioso o ghiaioso, l'acqua circola liberamente al suo interno spostando le particelle solide più fini formando, anche in questo caso, dei vuoti.
L'equilibrio del terreno si può rompere anche per situazioni di traffico stradale molto intenso, per scavi nelle vicinanze delle fondazioni o per crescita di radici di piante ad alto fusto.

In ogni caso la modifica dell'equilibrio tra il terreno e la fondazione, provoca il conseguente cedimento dell'edificio.

Le soluzioni

GROUNDFIX® di GEOSEC rappresenta la soluzione strutturale per il consolidamento profondo delle fondazioni, con trasferimento dei carichi verso le parti di terreno con maggiore capacità portante. L'intervento si basa su una tecnologia di palificazione attiva attraverso speciali elementi modulari in acciaio assemblati ed infissi a pressione, nel terreno.

Geosec

Per la posa dei micropali di fondazione vengono effettuate le necessarie verifiche dell’integrità e dell’adeguatezza della struttura di fondazione originaria. Si procede poi alla posa di piastre d’acciaio opportunamente dimensionate per accogliere l’aggancio dell’impianto di spinta del palo e per permettere il collegamento tra il micropalo e la fondazione esistente. Posizionato il castello pneumatico di infissione, si procede con l’inserimento degli elementi modulari sequenziali, che andranno a costituire il palo di fondazione. Il palo verrà poi reso solidale con la fondazione originaria, grazie al fissaggio mediante piastra di ancoraggio.

Geosec

In caso di necessità potranno essere abbinate iniezioni di resine espandenti in superficie per il ripristino del contatto tra la fondazione originaria e il suo piano di posa o per migliorare l’addensamento del terreno nello strato attraversato dal palo.

Geosec

I vantaggi

Senza dubbio le soluzioni GEOSEC garantiscono un approccio efficace, rapido e soprattutto mini invasivo. Inoltre ogni intervento è protetto da propria garanzia contrattuale decennale di legge ed in più da garanzia postuma assicurativa a maggior tutela del cliente. L’esperienza da oltre 15 anni nel settore dei consolidamenti, le prestigiose qualifiche tecniche ottenute da enti indipendenti di controllo delle costruzioni sanciscono GEOSEC quale interlocutore di massima affidabilità e sicurezza nel settore di riferimento. 

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa