Pali Precaricati: la soluzione meno invasiva per consolidare definitivamente le fondazioni

07/01/2020

1.152 volte
Pali Precaricati: la soluzione meno invasiva per consolidare definitivamente le fondazioni

Capita spesso che i condomini abbiamo problemi di cedimento delle fondazioni e crepe nei muri. Le fondazioni o fondamenta sono quella parte del manufatto su cui poggia l’intera struttura. Il loro cedimento, spesso legato all’instabilità del terreno su cui poggiano, determina dissesti e può minare seriamente la stabilità di un condominio e soprattutto la sicurezza di chi lo abita.

Le fondazioni sono una parte comune del condominio e quindi il loro consolidamento, quando necessario, spetta ai soggetti la cui proprietà insiste sulle fondamenta stesse. Questi al di là del fatto che il loro appartamento sia o meno interessato da crepe nei muri.

Vediamo un caso concreto affrontato recentemente da SYStab.

Pali Precaricati: la soluzione meno invasiva per consolidare definitivamente le fondazioni di un condominio di 5 piani, in centro a Bologna

Tipologia intervento

34 micropali Precaricati SYSTAB diametro 114 mm - pressoinfissi mediante martinetti idraulici per la stabilizzazione di un condominio di 5 piani.

Luogo intervento

Bologna (BO)

IL DISSESTO

L’edificio oggetto di questo consolidamento è un condominio interamente realizzato muratura e costituito da 4 piani fuori terra più un piano cantine. La struttura nel corso degli ultimi anni ha manifestato crepe e lesioni sui muri. Le fessure erano prevalentemente orientate a 45° e con andamento e dimensioni crescenti man mano che si saliva ai piani più alti del condominio.

L’analisi geologica eseguita dal Dott. Geol. Drapelli Oberdan e l’esame del quadro fessurativo hanno confermato un cedimento differenziale delle fondazioni verso il lato interno dell’edificio.

Pali Precaricati: la soluzione meno invasiva per consolidare definitivamente le fondazioni

Pali Precaricati: la soluzione meno invasiva per consolidare definitivamente le fondazioni

IL CONSOLIDAMENTO CON PALI PRECARICATI

La scelta tecnica del progettista Ing. Claudio Martini è caduta sulla realizzazione di una serie di micropali collegati con una nuova fondazione in cemento armato, solidarizzata rigidamente alle murature esistenti.

Naturalmente operare questo tipo di consolidamento in ambienti urbani è sempre molto complesso, in particolar modo se è necessario operare da un piano interrato come in questo caso. Progettista e Committenza hanno quindi cercato una soluzione che ovviasse alle problematiche normalmente richieste per un cantiere di micropali classico: spazi di lavoro e deposito considerevoli e tempi lunghi di realizzazione. La scelta è caduta sui Micropali Precaricati SYStab : pali modulari in acciaio infissi a pressione con martinetti idraulici.

Pali Precaricati: la soluzione meno invasiva per consolidare definitivamente le fondazioni

La prima fase dell’intervento è stata quella di realizzare un nuovo cordolo di sottofondazione collegato in modo rigido con la muratura da consolidare. Nel nuovo cordolo sono stati predisposti dei tubi camicia che una volta maturato il getto, hanno consentito l’aggancio dei martinetti per l’infissione e il collegamento finale tra palo e struttura.

Il consolidamento delle fondazioni realizzato con micropali precaricati presenta diversi vantaggi che lo caratterizzano rispetto alle tradizionali tecniche di micropalificazione:

  • tempi di esecuzione molto rapidi
  • non produce materiale di risulta
  • non impiega né acqua né fanghi (cantiere asciutto)
  • non produce vibrazioni dannose
  • la portata di ogni singolo micropalo viene collaudata
  • precarico per l’annullamento dei cedimenti primari.

Pali Precaricati: la soluzione meno invasiva per consolidare definitivamente le fondazioni

Pali Precaricati: la soluzione meno invasiva per consolidare definitivamente le fondazioni

Pali Precaricati: la soluzione meno invasiva per consolidare definitivamente le fondazioni

Il consolidamento con micropali di questo edificio condominiale sito in Bologna, si è svolto in 8 giorni lavorativi, comportando l’installazione di 34 micropali precaricati di diametro 114 mm e lunghezza fino a 11,5 metri di profondità.

Spesso realizzare micropali in ambienti comuni e operando su edifici abitati può essere molto complesso. In questo caso la scelta di utilizzare pali a bassa invasività in acciaio, ha permesso di operare dal piano cantine riducendo notevolmente gli scavi. Inoltre la metodologia SYStab ha consentito di stabilizzare rapidamente le fondazioni, senza determinare vibrazioni pericolose per le strutture abitate limitrofe.

Lavoro eseguito da:

 

Pali Precaricati: la soluzione meno invasiva per consolidare definitivamente le fondazioni

 

Committente: Privato - Condominio
Data: maggio 2019

Per ulteriori informazioni www.systab.it - info@systab.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa