ANCI: Nota su ordinanza Protezione civile n.658 relativa a risorse interventi solidarietà alimentare

01/04/2020

11.111 volte
ANCI: Nota su ordinanza Protezione civile n.658 relativa a risorse interventi solidarietà alimentare

L’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) ha pubblicato la Nota di indirizzo 30 marzo 2020, prot. n. 30 avente ad oggetto “Ordinanza di Protezione Civile n. 658 recante “Ulteriori interventi di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”

Ordinanza 29/03/2020, n. 658

Ricordiamo che con  l’Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione civile n. 658 del 29 marzo 2020 vengono stanziati 400 milioni per i Comuni al fine di distribuire aiuti alimentari a chi, in questa fase di emergenza, è in stato di bisogno e che i Comuni potranno distribuire i 400 milioni stanziati dal Governo per l’acquisto di buoni spesa utilizzabili per comprare generi alimentari o per distribuire direttamente generi alimentari e prodotti di prima necessità.

Nota Anci 30/03/2020

Nella nota dell’ANCI è precisato che l’Ordinanza nasce dall’esigenza forte e urgente di assicurare, in via emergenziale, risorse per interventi di solidarietà alimentare sul territorio e che trattandosi di un’ordinanza di Protezione Civile, con i requisiti propri dello stato di necessità, le misure vanno applicate con l’obiettivo di accelerare  al massimo le procedure di spesa, pur nelle difficoltà operative note che i Comuni vivono a causa dell’emergenza.

Assenza di criteri e modalità erogazione

In tal senso va letta l’assenza di disposizioni su criteri e modalità di erogazione delle misure: assicurare nell’emergenza che i Comuni possano organizzarsi nel modo più vicino a soddisfare immediatamente il bisogno dei propri cittadini in stato di bisogno, anche con mezzi e strumenti già in uso e  in deroga alle ordinarie norme sugli affidamenti.

Buoni spesa e generi alimentari

Nella nota è precisato, infatti che i Comuni possono acquistare:

  • buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di generi alimentari presso gli esercizi commerciali contenuti in un elenco che ciascun Comune dovrà pubblicare sul proprio sito istituzionale.
  • generi alimentari o prodotti di prima necessità

Non applicabile il Codice dei contratti

Gli acquisti che i Comuni possono fare non sono assoggettati alle procedure del Codice degli Appalti decreto legislativo n. 50/2016.

Competenza attrubuita ai Servizi sociali del Comune

Ferma restando la discrezionalità degli Enti Locali, si sottolinea che l’Ordinanza non prescrive l’obbligo di approvare atti di indirizzo della Giunta Comunale, in merito ai criteri per l’individuazione della platea di beneficiari delle misure di cui trattasi.La competenza in merito all’individuazione della platea dei beneficiari ed il relativo contributo è - dall’Ordinanza - attribuita all’Ufficio dei Servizi Sociali di ciascun Comune. L’ufficio individua la platea tra i nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus Covid-19 e tra quelli in stato di bisogno.

Semplici modelli di autocertificazione

L’ANCI ritiene che sia possibile procedere con semplici modelli di autocertificazione che consentano la richiesta di accedere celermente alle misure del decreto, ai possibili aventi diritto. Tra le varie modalità, è consentito l’accesso alle misure attraverso avviso aperto e a scorrimento dei richiedenti aventi diritto fino ad esaurimento delle spettanze o delle risorse comunque disponibili. 

Criteri

In merito al criterio del relativo contributo, si ritiene possibile che gli Uffici procedano con criteri meramente proporzionali, ad esaurimento fondi.

Segui lo Speciale Coronavirus COVID-19 e resta sempre aggiornato

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa