Regione Siciliana: Con l’OEPV deve essere predisposto un quadro comparativo

09/06/2020

1.299 volte
Regione Siciliana: Con l’OEPV deve essere predisposto un quadro comparativo

La Regione Siciliana con la nota prot. 74195 del 18/05/2020, inviata a tutte le stazioni appaltati della Regione ed avente ad oggetto “L’Offerta Economicamente PVantaggiosa (OEPV), Quadro comparativo - allegato di gara”, interviene su un criterio di aggiudicazione che, in verità, pur essendo obbligatorio nella maggior parte delle gare, non ha dimostrato, nella pratica quei criteri di trasparenza che avrebbe dovuto possedere.

La nota della Regione siciliana

Nella nota, la Regione siciliana, precisa che spesso che in fase di gara l’offerta non venga adeguatamente esplicitata con un elaborato dal quale si evincano le variazioni apportate (le migliorie con le nuovi voci di computo e le voci soppresse perché migliorate) a giustificazione dell’offerta economica proposta.

La mancanza di tale documento rappresenta un vulnus ai fini della successiva fase esecutiva dell’appalto, in quanto le variazioni introdotte non potranno essere contabilizzate se non a seguito di ulteriori contrattazioni tra la stazione appaltante e l’operatore economico aggiudicatario ed in tale ottica la legge di gara dovrà prevedere, a pena di esclusione, che il concorrente alleghi all’offerta economica il documento precedentemente descritto

Il quadro comparativo

È per questo che la Regione, per risolvere tale questione, ritiene che sia necessario che “a corredo dell’offerta economica” (generalmente sinora formulata solo attraverso l’indicazione della percentuale di ribasso sull’importo a base di gara) venga prescritto nel disciplinare di gara l’obbligo per il concorrente di produrre il canonico “quadro comparativo” secondo l’usuale schema:

Quadro comparativo a corredo dell'offerta

Tale documento, il cui ammontare complessivo del prezzo dovrà essere congruente all’offerta economica, deve necessariamente essere “allegato a corredo”della stessa offerta economica, preservandone così la segretezza fino alla fase di gara che prevede l’attribuzione del relativo punteggio.

Il quadro comparativo sarà poi allegato al contratto e diverrà la base di riferimento della contabilità dei lavori.

In allegato la Nota 18/05/2020 della regione siciliana.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa