Coronavirus Covid-19 ieri: In Italia 26.831 nuovi casi con un incremento del 7,36%. I nuovi provvedimenti nazionali e regionali

30/10/2020

1.359 volte
Coronavirus Covid-19 ieri: In Italia 26.831 nuovi casi con un incremento del 7,36%. I nuovi provvedimenti nazionali e regionali

Il numero dei contagiati aumenta ed il Bollettino della Protezione civile di ieri evidenzia che il numero di nuovi casi di Covid-19 si è attestato a 26.831 con un incremento del 7.36% rispetto al giorno precedente e con un incremento rispetto a quello dell’inizio del mese di settembre (quando il numero dei nuovi casi è stato di 978) di circa il 2643% con la regione Lombardia che, con 7.339 nuovi casi (con un decremento del 2,90% rispetto a quelli del giorno precedente), continua ad avere una non invidiabile prima posizione in Italia. Seguono, con un numero di nuovi contagiati, evidenziati nel bollettino della Protezione civile del giorno 29 ottobre, superiore a 500 al giorno, Campania, Piemonte, Veneto, Lazio, Toscana, Emila-Romagna, Liguria, Sicilia, Puglia, Umbria e Marche.

In ordine sparso, singole regioni corrono ai ripari prendendo provvedimenti di limitazione degli spostamenti e di chiusure mentre parecchie attività sono state chiuse in tutto il territorio nazionale dalle 18:00 alle ore 05:00 del giorno successivo dal dpcm 24 ottobre 2020

I dati salienti

Dall’inizio dell’epidemia di coronavirus hanno contratto il virus un totale di 616.595 persone delle quali 38.122 sono decedute e 279.282 sono guarite.

Attualmente i soggetti positivi sono 299.191.

Il totale dei tamponi effettuati è pari a 15.353.490 con un incremento record di 201.452 nell’aggiornamento del 29 ottobre 2020

I pazienti ricoverati con sintomi sono 15.964, di cui 1.651 in terapia intensiva.

I dati completi sono rilevabili nel bollettino della protezione civile allegato all’articolo.

Incremento dei contagiati

Qui di seguito il grafico relativo al numero giornaliero dei contagiati dall’1 settembre 2020 all’aggiornamento di ieri; dal grafico è possibile notare come lo stesso si discosta dalla linea di tendenza (tratteggiata) posizionandosi al di sotto della stessa sino al 19 ottobre; situazione diversa dal 19 ottobre in poi quando il grafico si pone al di sopra della linea di tendenza avendo dal giorno 21 in poi, notevoli incrementi. Tra l’altro è opportuno notare come il numero giornaliero dei contagiati che il 12 ottobre era di circa 5.000;  quintuplicato in quindici giorni circa raggiungendo ieri il numero di 26831.

Incremento dei ricoverati in terapia intensiva

Qui di seguito il grafico relativo al numero giornaliero dei ricoverati in terapia intensiva dall’1 settembre 2020 all’aggiornamento di ieri; dal grafico è possibile notare come lo stesso si discosta dalla linea di tendenza (tratteggiata) posizionandosi al di sotto della stessa sino al 13 ottobre; situazione diversa dal 13 ottobre in poi quando il grafico comincia ad avere un andamento altalenante in prossimità della linea di tendenza, ponendosi al di sopra della stessa ed avendo dal giorno 21 ottobre  in poi, notevoli incrementi. Il numero di ricoverati in terapia intensiva il giorno 12 ottobre era pari a 452 mentre oggi raggiunge il numero di 1651; in 15 giorni quasi 4 volte quello del giorno 12 ottobre.

Incremento dei deceduti

Qui di seguito il grafico relativo al numero giornaliero dei deceduti dall’1 settembre 2020 all’aggiornamento di ieri; dal grafico è possibile notare come lo stesso si discosta dalla linea di tendenza (tratteggiata) posizionandosi al di sotto della stessa sino al 19 ottobre; situazione diversa dal 19 ottobre in poi quando il grafico si pone al di sopra della linea di tendenza avendo dal giorno 24 in poi, notevoli incrementi. I deceduti sempre il giorno 12 ottobre erano stati 32 mentre hanno raggiunto ieri il numero di 115; in 15 giorni pari ad oltre 3 volte quello del 12 ottobre.

I dati nelle Regioni

I dati sottoriportati, suddivisi per Regione ed ordinati in riferimento al maggior numero di contagi contenuti nel bollettino della protezione civile di ieri riportano i casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia con inclusi anche i morti ed i guariti) e tra parentesi sono riportati in pregressione il numero dei nuovi casi, la percentuale di incremento dei nuovi casi rispetto al totale.

  • Lombardia 177.865 (+7.339, +4,13%)
  • Campania 48.885 (+3.103, 6,35%)
  • Piemonte 65.030 (+2.585, +3,98%)
  • Veneto 51.244 (+2.109, +4,12%)
  • Lazio 41.887 (+1.995, +4,76%)
  • Toscana 38.958 (+1.966, +5,05%)
  • Emilia-Romagna 52.038 (+1.545, +2,97%)
  • Liguria 26.541 (+1.018 +3,84%)
  • Sicilia 19.822 (+789, +3,98%)
  • Puglia 17.069 (+716, +4,19%)
  • Umbria 8.967 (+694, +7,74%)
  • Marche 13.095 (+686, +5,24%)
  • Abruzzo 9.674 (+482, +4,98%)
  • Friuli-Venezia-Giulia 9.610 (+468, +4,87%)
  • Bolzano 7.485 (+298, +3,98%)
  • Sardegna 8.808 (+282, +3,20%)
  • Calabria 4.625 (+225, +4,86%)
  • Valle d’Aosta 2.981 (+178, +5,97%)
  • Trento 8.526 (+173, +2,03%)
  • Molise 1.498 (+94, +6,28%)
  • Basilicata 1.987 (+86, +4,33%)

Bollettino protezione civile

In allegato il Bollettino della Protezione civile del 29 ottobre 2020   con tutti i dati relativi all’evolversi dei contagi relativi a tutte le Regioni.

Nuovi provvedimenti nazionali

Per quanto concerne l’aggiornamento sui provvedimenti nazionali, segnaliamo:

Decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137

Nuovi provvedimenti regionali

Per quanto concerne l’aggiornamento sui provvedimenti emanati dalle Regioni, segnaliamo:

Accedi allo Speciale Coronavirus Covid-19

Torna alla pagina iniziale

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

 

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa