Bollettino Coronavirus Covid-19 23/12/2020: 14.522 nuovi casi, 2.624 ricoverati in terapia intensiva, 553 deceduti oggi. Indice Rpt 8,28

Ecco l'ultimo Bollettino della Protezione Civile con i nuovi numeri della pandemia aggiornati al 22/12/2020

23/12/2020
Bollettino Coronavirus Covid-19 23/12/2020: 14.522 nuovi casi, 2.624 ricoverati in terapia intensiva, 553 deceduti oggi. Indice Rpt 8,28

Oggi l’indice Rpt continua a posizionarsi al di sotto di 10,00 e, precisamente a 8,28 mentre il numero dei decessi, in decremento rispetto a ieri, si attesta a 553 unità; il numero dei decessi nel mese di novembre è stato pari a 17.255 (media 575 al giorno) mentre nei primi 23 giorni del mese di dicembre i decessi sono stati 14.819 (media 644 al giorno).

Bollettino Coronavirus Covid-19 in Italia: i dati salienti del 23 dicembre 2020

Dall’inizio dell’epidemia di coronavirus hanno contratto il virus un totale di 1.991.278 persone delle quali 70.395 sono decedute e 1.322.067 sono guarite. Attualmente i soggetti positivi sono 598.816.

Nell’aggiornamento del 23 dicembre 2020, il totale dei tamponi effettuati è stato pari a 25.558.583 con un incremento di 175.364. I pazienti ricoverati con sintomi sono stati 24.546 di cui 2.624 in terapia intensiva; il numero di oggi continua a diminuire rispetto ad ieri di 63 unità.

I dati completi sono rilevabili nel bollettino della protezione civile allegato all’articolo.

Bollettino Coronavirus Covid-19 in Italia 23 dicembre 2020: Decremento dell’indice Rpt per molte regioni

L’indice Rpt non è altro che il rapporto giornaliero tra il numero di soggetti positivi (sintomatici o asintomatici) sul numero di tamponi effettuati; dà la possibilità di conoscere, giornalmente, utilizzando i dati prelevati dal bollettino della protezione civile, una percentuale che definisce, per una data regione, il numero di positivi riscontrati su cento tamponi effettuati: tanto più alta è questa percentuale, tanto più alta è la possibilità che in una data regione possano trovarsi individui sintomatici o asintomatici che hanno contratto il Covid-19.

Con i dati del Bollettino della Protezione civile di oggi l’indice Rpt nazionale ai attesta, oggi, con un modesto incremento ma sempre al di sotto di 10,00 passando da 8,01 a 8,28; l’indice Rpt medio nazionale è stato superato soltanto nelle seguenti regioni (tra parentesi l’indice del giorno precedente):

  • Lazio 21,54 (6,00)
  • Veneto 16,30 (18,88)
  • Piemonte 10,43 (7,86)
  • Sicilia 10,06 (10,29)
  • Puglia 8,98 (8,41)

Bollettino Coronavirus Covid-19 in Italia 23 dicembre 2020: Nuovi casi

Oggi del numero dei nuovi casi passa da 13.318 a 14.522 ed ha un incremento per il secondo giorno consecutivo posizionandosi al di sotto della linea di tendenza mobile a 7 giorni. La citata linea di tendenza, dopo aver raggiunto la punta massima tra il 12 e il 18 novembre, ha invertito il suo andamento ed è scesa sino al 13 dicembre e dopo alcuni giorni con andamento ondivago è tornata a puntare da alcuni giorni verso il basso.

Bollettino Coronavirus Italia

Bollettino Coronavirus Covid-19 in Italia 23 dicembre 2020: Ricoveri

Qui di seguito il grafico relativo al numero dei ricoveri dall’1 ottobre 2020 all’aggiornamento di oggi; dal grafico è possibile notare come il numero dei ricoveri diminuisce, oggi, per l’ottavo giorno consecutivo passando da 24.948 a 24.546 con un decremento di 402 unità. La linea di tendenza mobile a 7 giorni, dopo aver raggiunto il massimo alla fine del mese di novembre, è rivolta, adesso, verso il basso e, con l’andamento attuale e sempre che non ci sia una recrudescenza dei contagi, il numero di circa 1.000 ricoverati degli inizi del mese di settembre dovrebbe essere raggiunto entro la fine del mese di febbraio 2021.

Bollettino Coronavirus Italia

Bollettino Coronavirus Covid-19 in Italia 23 dicembre 2020: Ricoveri in terapia intensiva

Qui di seguito il grafico relativo al numero dei ricoveri in terapia intensiva dall’1 ottobre 2020 all’aggiornamento di oggi; dal grafico è possibile notare come lo stesso diminuisce, oggi, per il quattordicesimo giorno consecutivo passando da 2.687 a 2.624 con un decremento di 63 unità. La linea di tendenza mobile a 7 giorni, dopo aver raggiunto il massimo alla fine del mese di novembre, è rivolta, adesso, verso il basso e, con l’andamento attuale e sempre che non ci sia una recrudescenza dei contagi, il numero di circa 100 ricoverati in terapia intensiva degli inizi del mese di settembre dovrebbe essere raggiunto entro la fine del mese di febbraio.

Bollettino Coronavirus Italia

Bollettino Coronavirus Covid-19 in Italia 23 dicembre 2020: Decessi

Qui di seguito il grafico relativo al numero giornaliero dei decessi dall’1 ottobre 2020 all’aggiornamento di oggi. I decessi sempre il giorno 1 ottobre erano stati 24 mentre hanno raggiunto oggi, con un sensibile decremento, rispetto a ieri, le 553 unità (pari a quasi 23 volte quello dell’1 ottobre).  Il numero dei decessi continua ad essere troppo alto ma si posiziona, oggi, abbondantemente al di sotto della linea di tendenza mobile a 7 giorni che ha modificato il suo andamento puntando verso il basso. Effettivamente nei 23 giorni del mese di dicembre il numero dei decessi è stato abbastanza sostenuto anche perché ad una leggera diminuzione dal 6 al 9 dicembre ha fatto seguito un significativo aumento nei giorni dal 10 dicembre ad oggi. Tra l’altrro tra l’1 novembre ed il 23 dicembre, il numero dei decessi ha superato le 30.000 unità attestandosi, esattamente a 31.521 unità.

È da notare, poi, come:

  • il numero totale dei decessi ha superato le 70.000 unità:
  • il numero dei decessi della prima ondata a partire sino al 31/08/2020 ha raggiunto le 35.483 unità;
  • il numero dei decessi della seconda ondata è certo che supererà quello della prima ondata per il fatto stesso che sino ad oggi i decessi dall’1 settembre ad oggi ha raggiunto le 34.912 unità.

Bollettino Coronavirus Italia

Bollettino Coronavirus Covid-19 in Italia 23 dicembre 2020: i dati nelle Regioni

I dati sottoriportati, suddivisi per Regione ed ordinati in riferimento al maggior numero di contagi contenuti nel bollettino della protezione civile di oggi riportano i casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia con inclusi anche i morti ed i guariti) e tra parentesi sono riportati in progressione il numero dei nuovi casi di oggi e la percentuale di incremento/decremento dei nuovi casi rispetto al giorno precedente. Oggi la Regione Veneto è quella che ha avuto un maggior numero di casi

  • Lombardia   464.599 (+2.153, -5,49%)
  • Piemonte   191.443 (+933, +72,14%)
  • Campania   183.117 (+1.067, +34,89%)
  • Veneto   225.945 (+3.357, +8,92%)
  • Emilia-Romagna   159.472 (+1.129, -2,84%)
  • Lazio   152.457 (+946, -26,55%)
  • Toscana   116.979 (+435, +40,78%)
  • Liguria   58.198 (+228, +5,56%)
  • Sicilia   87.024 (+932, +4,25%)
  • Puglia   83.205 (+942, +7,53%)
  • Marche   38.292 (+498, +37,19%)
  • Abruzzo   33.875 (+255, +196,51%)
  • Friuli Venezia Giulia   45.884 (+512, -6,74%)
  • Umbria   27.553 (+157, +37,72%)
  • P.A. Bolzano   28.398 (+131, +28,43%)
  • Sardegna   29.136 (+269, +46,20%)
  • P.A. Trento   20.447 (+157, +15,44%)
  • Calabria   21.777 (+284, +22,41%)
  • Valle d'Aosta   7.084 (+11, -66,67%)
  • Basilicata   10.223 (+99, +41,43%)
  • Molise   6.170 (+27, +145,45%)

Oggi un parecchi incrementi anche in tripla cifra tra i quali quello della Regione Piemonte in cui il numero di nuovi casi passa da 542 a 933 con un incremento di 391 casi pari al 72,14%; alcuni, poi, i decrementi e, nel dettaglio, quello in doppia cifra della Regione Lazio in cui il numero dei nuovi casi passa da 1.288 a 946 con un decremento di 342 casi pari al 26,55%.

Bollettino protezione civile 23 dicembre 2020

In allegato il Bollettino della Protezione civile del 23 dicembre 2020 con tutti i dati relativi all’evolversi dei contagi relativi a tutte le Regioni.

Nuovi provvedimenti nazionali

Per quanto concerne l’aggiornamento sui provvedimenti nazionali, segnaliamo:

Nuovi provvedimenti regionali

Per quanto concerne l’aggiornamento sui provvedimenti emanati dalle Regioni, segnaliamo:

Accedi allo Speciale Coronavirus Covid-19

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Articolo in aggiornamento

© Riproduzione riservata