Abruzzo, manifestazione d'interesse per area Ex Fea

Avrà una destinazione pubblica "per il miglior uso ai fini della vita sociale e culturale della città" il complesso immobiliare ex Fea di Pescara situato sul...

19/07/2016
© Riproduzione riservata
Abruzzo, manifestazione d'interesse per area Ex Fea

Avrà una destinazione pubblica "per il miglior uso ai fini della vita sociale e culturale della città" il complesso immobiliare ex Fea di Pescara situato sul Lungomare Matteotti.

Il primo strumento che verrà utilizzato per la riqualificazione dell'ex Fea è l'emanazione di un avviso pubblico di manifestazione d'interesse rivolto a soggetti che sono interessati ad investire sul progetto di rivitalizzazione. Dall'avviso si avrà contezza di quali possono essere i soggetti, pubblici o privati, che vogliono investire in chiave sociale e culturale.

È quanto stabilito oggi (n.d.r. ieri per chi legge) nel corso di una riunione che si è tenuta presso la sede della Regione Abruzzo tra il presidente della Giunta regionale, Luciano D'Alfonso, il presidente dell'azienda trasportistica regionale Tua, Luciano D'Amico, e il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini.

I tre enti sono direttamente interessati al destino del complesso immobiliare in ragione del fatto che la Regione ne è proprietaria, l'azienda Tua ha attualmente l'uso e il Comune di Pescara ospita la struttura. "La convergenza d'interessi - ha detto il presidente D'Alfonso - mi sembra un primo importante passo in avanti necessario per avviare un'azione di valorizzazione dell'intero complesso che possa essere fruito dai cittadini pescaresi e dagli abruzzesi in maniera gratuita. Già una nostra precedente delibera, la 765 del settembre 2015, andava in questa direzione come elemento di riqualificazione dell'intera area; la riunione di oggi ha confermato questa convergenza di vedute".

Lo stesso presidente di Tua, Luciano D'Amico, che ha in uso l'area, ha confermato nella riunione che "l'ex Fea non è più convenientemente utilizzabile dall'azienda trasportistica che dunque è pronta a riconsegnarla nella disponibilità della Regione". "Certo è - ha concluso il Presidente D'Alfonso - che non possiamo lasciare nel più assoluto abbandono il complesso. Da qui la nostra iniziativa che vuole dare un volto nobile ad un'area dalle forte potenzialità culturali e sociali".

Sull'avviso di manifestazione d'interesse, il Servizio Demanio della Regione predisporrà una bozza che sarà oggetto di valutazione della prossima riunione fissata per i primi giorni di agosto.

A cura di Ufficio Stampa Regione Abruzzo