Aedes: richiesta Attivazione corsi sulla “Gestione tecnica dell’emergenza, rilievo del danno e valutazione dell’agibilità post-sismica"

È partita con oltre 400 firme la petizione della Rete degli Ingegneri IPE con la richiesta di attivazione dei corsi di formazione sulla "Gestione tecnica del...

27/04/2018
© Riproduzione riservata
Aedes: richiesta Attivazione corsi sulla “Gestione tecnica dell’emergenza, rilievo del danno e valutazione dell’agibilità post-sismica"

È partita con oltre 400 firme la petizione della Rete degli Ingegneri IPE con la richiesta di attivazione dei corsi di formazione sulla "Gestione tecnica dell’emergenza, rilievo del danno e valutazione dell’agibilità post-sismica".

La petizione, inviata al coordinatore della Rete Professioni Tecniche, Armando Zambrano, al Capo del Dipartimento di Protezione civile, Angelo Borrelli, al Presidente dell'IPE, Patrizia Angeli, e al Coordinatore della Rete dei Presidi Architetti per la Protezione Civile, Walter Baricchi, ha l'obiettivo di far riattivare i corsi di Gestione Tecnica dell'emergenza rilievo del danno e valutazione dell'agibilità post sismica, corsi AeDES e AeDES grandi luci.

Di seguito il testo della petizione

"L’ultimo anno ha messo a dura prova il sistema emergenziale e in particolare il sistema di rilievo dei danni e la valutazione dell’agibilità post sismica in occasione dei sismi centro Italia e l’ultimo di Ischia.

La partecipazione degli Ingegneri, anche se massiccia, non è stata del tutto sufficiente a supportare le tante necessità emerse da un evento sismico ampio ma non eccezionale; ciò deve rinviare ad un'analisi critica del sistema senza in nessun caso alludere ad una presunta carenza di sensibilità o ad un sospetto impegno parziale di chi ha profuso, invece, tutte le energie disponibili per offrire il massimo supporto alla popolazione.

Appare ovvio che la disponibilità ad intervenire è condizionata dai pressanti impegni connessi alle attività dei liberi professionisti e che per garantire un'adeguata risposta è indispensabile ampliare la base dei tecnici formati incrementandone il loro numero.

In considerazione di quanto premesso, del fatto che l'accresciuta sensibilità sul tema emergenziale si è accompagnata ad una cospicua richiesta dei colleghi Ingegneri di partecipare a corsi formativi per tale motivo chiediamo la disponibilità del CNI ad attivare i seguenti corsi:

  • Gestione tecnica dell’Emergenza sismica rilievo del danno e valutazione della agibilità;
  • Valutazione di danno e agibilità post-sisma per edifici a struttura prefabbricata o di grande luce (GL-AeDES)".

Per firmare la petizione CLICCA QUI