Architetti: Nuovo Codice deontologico

Il CNAPPC (Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori), con la circolare prot. 3488 del 30/09/2015, ha comunicato a tutti...

09/10/2015
© Riproduzione riservata
Architetti: Nuovo Codice deontologico

Il CNAPPC (Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori), con la circolare prot. 3488 del 30/09/2015, ha comunicato a tutti i Consigli provinciali la modifica del Codice deontologico necessaria per adeguare lo stesso alla Sentenza del Consiglio di Stato, VI Sezione, 22 gennaio 2015 n.238 e della Cassazione Penale, II Sezione, 21 gennaio 2014 n. 1172.
Le modifiche, che riguardano l'art. 11, comma 2, 3, 4 e 5, garantiscono il corretto svolgimento della professione e, per il suo tramite, la compiuta realizzazione del compito che la Società affida all'Architetto, Pianificatore, Paesaggista, Conservatore, Architetto Iunior e Pianificatore Iunior.

Il nuovo testo dell'articolo 11 rubricato "Legalità" è il seguente:
"1. Il Professionista nell'esercizio della professione e nell'organizzazione della sua attività, è tenuto a rispettare le leggi dello Stato, l'ordinamento professionale e le deliberazioni dell'Ordine.
2. La concorrenza deve svolgersi secondo i principi stabiliti dall'ordinamento, comunitario e interno, e dalle norme deontologiche che lo attuano. E' vietata ogni condotta diretta all'acquisizione di rapporti di clientela con modi non conformi alla correttezza.
3. Il Professionista deve provvedere agli adempimenti previdenziali e fiscali a suo carico, ai sensi della L. 14.9.2011 n. 148.
4. Il Professionista è soggetto a procedimento disciplinare per fatti anche non riguardanti l'attività professionale, solo quando si riflettano sulla sua reputazione professionale o compromettano l'immagine della categoria professionale.
5. Costituisce grave violazione deontologica, lesiva della categoria professionale, ogni reato punito con norme penali relativo a fenomeni di criminalità organizzata di tipo mafioso, nonché per concorso nell'associazione di tipo mafioso."

Il nuovo testo, in base a costante giurisprudenza (Cass., sez. un., 6 giugno 2002 n. 8225, 23 marzo 2004 n. 5776, 14 luglio 2004 n. 130789 e 20 dicembre 2007 n. 26810), è immediatamente applicabile su tutto il territorio nazionale senza necessità di ricezione formale da patte degli Ordini.
 

A cura di Ilenia Cicirello