CNI: Senza l’appalto integrato servizi di architettura e di ingegneria in forte crescita

Con un comunicato stampa della Fondazione del Consiglio nazionale degli ingegneri viene certificata la crescita delle gare per i servizi di architettura e di...

03/02/2017
© Riproduzione riservata
CNI: Senza l’appalto integrato servizi di architettura e di ingegneria in forte crescita

Con un comunicato stampa della Fondazione del Consiglio nazionale degli ingegneri viene certificata la crescita delle gare per i servizi di architettura e di ingegneria nel mese di gennaio 2017. I dati sono stati rilevati ed elaborati dal Centro studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri che ha comunicato come nel primo mese dell’anno sono state bandite gare (senza esecuzione) per un importo complessivo che supera i 30milioni di euro, 3 volte e mezzo superiore a quanto rilevato nel mese di gennaio del 2016.

Sui risultati positivi ha svolto un ruolo determinante l’entrata in vigore, nel corso del 2016, del nuovo Codice degli appalti pubblici (D.Lgs 18 aprile 2016, n.50) che, tra le altre misure, ha fortemente limitato il ricorso all’appalto integrato, inducendo dunque le stazioni appaltanti ad incrementare i bandi di gara per i soli servizi di ingegneria.

Importi a base d'asta delle gare per i servizi di ingegneria e architettura (senza esecuzione). 
Serie gennaio 2012 -  gennaio 2017 (val. in milioni di euro)

A sei mesi di distanza dall’entrata in vigore del Decreto 17 giugno 2016 del Ministero della Giustizia (G.U. del 27 luglio) con cui è stato completato l’iter di revisione dei parametri per il calcolo dei corrispettivi da porre a base di gara per le prestazioni professionali attinenti ai servizi di ingegneria e architettura previsto dal nuovo codice degli appalti, continua ad essere consistente (oltre il 40%) la quota di bandi in cui non è indicato il criterio utilizzato per il calcolo del corrispettivo posto a base d’asta. Tuttavia, occorre evidenziare il fatto che sta progressivamente esaurendosi il numero di bandi da rendere nulli a causa dell’utilizzo di criteri di calcolo diversi da quelli previsto nel D.M.17/06/2016 (o nel precedente D.M.143/2013): a gennaio, appena l’1,8% dei bandi.

I criteri utilizzati per la determinazione dei corrispettivi degli incarichi di progettazione da porre a base d’asta*. Gennaio 2017 (val. %)

 

sono considerati solo i bandi per servizi di ingegneria senza esecuzione indicati nel DM.17/06/2016 e sono esclusi i bandi del settore ICT e quelli relativi a consulenze varie

Nessuna grande novità per quanto attiene al ribasso medio di aggiudicazione che si è ormai assestato su valori compresi tra il 30% e il 40% (per il mese di gennaio è pari al 38,8%, in linea con quello rilevato per l’intero 2016), ma continuano a registrarsi casi in cui i ribassi raggiungono valori decisamente più elevati (il ribasso massimo registrato nel mese di gennaio è pari al 68,7%).

Ribasso medio e ribasso massimo rilevato nelle gare per servizi di ingegneria aggiudicate per tipologia di appalto. Gennaio 2017

A cura di Redazione LavoriPubblici.it