Codice Appalti: lavori Commissioni cominceranno prossima settimana

Inizierà la settima prossima l’esame da parte delle Commissioni di Camera e Senato dello schema di decreto legislativo predisposto dal Governo in riferimento...

09/03/2016
© Riproduzione riservata
Codice Appalti: lavori Commissioni cominceranno prossima settimana

Inizierà la settima prossima l’esame da parte delle Commissioni di Camera e Senato dello schema di decreto legislativo predisposto dal Governo in riferimento alla legge delega n. 11/2016 relativa al recepimento delle direttive UE su appalti e concessioni ed al riordino della normativa sugli appalti con l’abrogazione dell’attuale Codice dei contratti e del regolamento di attuazione. Questa settimana servirà agli uffici di Camera e Senato per elaborare la documentazione di analisi dei 219 articoli e per predisporre i dossier di documentazione per i componenti delle Commissioni parlamentari.

Nel frattempo come relatori del provvedimento sono stati confermati i relatori della legge delega e precisamente Raffaella Mariani alla Camera e Stefano Esposito al Senato e per quanto concerne le audizioni è stato deciso che ci saranno soltanto quelle del ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio e del presidente dell’Anac, Raffaele Cantone. Non sono, invece, previste consultazioni delle principali categorie di soggetti pubblici e privati destinatari della nuova normativa che dovranno accontentarsi di semplici lettere di osservazioni.  

I pareri, sia alla Camera che al Senato saranno predisposti da tre commissioni e precisamente:

  • le Commissioni Ambiente e Lavori pubblici che dovranno verificare se il Governo ha rispettato i principi della legge delega (legge n. 11/2016);
  • le Commissioni Bilancio che si occuperanno delle questioni relative alla sostenibilità finanziaria del provvedimento;
  • le Commissioni in materia di Politiche dell'Unione Europea che controlleranno la compatibilità del provvedimento con le tre direttive europee 201/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE.

Sembra che la scadenza del 6 aprile dovrebbe essere rispettata e che i due pareri di Camera e Senato saranno del tutto sovrapponibili.

A cura di Arch. Paolo Oreto