Concorsi e Servizi di architettura e ingegneria, aggiornata la guida del CNAPPC

Il Consiglio Nazionale degli Architetti PPC ha aggiornato la Guida alla redazione dei bandi per i concorsi di progettazione e di idee e per l’affidamento dei...

19/09/2017
© Riproduzione riservata
Concorsi e Servizi di architettura e ingegneria, aggiornata la guida del CNAPPC

Il Consiglio Nazionale degli Architetti PPC ha aggiornato la Guida alla redazione dei bandi per i concorsi di progettazione e di idee e per l’affidamento dei Servizi di Architettura e Ingegneria.

Il documento, nelle more della pubblicazione dei bandi tipo di cui all’art. 213, comma 2 del D.Lgs. n. 50/2016 (c.d. Codice dei contratti), costituisce una guida alla redazione dei Bandi da adottare nelle procedure di affidamento dei Servizi di Architettura e Ingegneria, in relazione all’importo stimato del corrispettivo ed alla tipologia delle opere da realizzare.

La guida, nata con l’obiettivo di supportare le Stazioni Appaltanti nella stesura dei documenti di gara e di rilanciare il concorso di progettazione, quale migliore strumento per promuovere la qualità delle prestazioni professionali, è stata aggiornata nel rispetto del nuovo Codice dei contratti (D.Lgs.50/2016) e delle Linee guida attuative emanate dall’ANAC nel 2016, ed è suddivisa in due parti:

  • La prima riservata alle modalità di affidamento della progettazione a mezzo dei concorsi ed agli strumenti da utilizzare ai sensi degli artt. 152-153-154-155-156 del codice. Alla prima parte sono allegati i bandi tipo per concorsi di progettazione e di idee ed un regolamento a cui i soggetti banditori potranno fare riferimento per conseguire un eventuale patrocinio o un giudizio positivo da parte del CNAPPC (rating concorsi).
  • La seconda riservata alle modalità di affidamento di Servizi di Architettura e Ingegneria, in relazione alla fasce di importo stimato dei corrispettivi posti a base di gara, in applicazione degli artt.36 e 157 del codice (D.Lgs.50/2016 e ss.mm.ii.). Alla seconda parte sono allegati i documenti di gara, che possono essere utili sia alle stazioni appaltanti che ai professionisti interessati a partecipare alle procedure di affidamento.

Entrando nel dettaglio, i documenti contenuti nella prima parte vengono adottati nei casi previsti dall’art. 23, comma 2 del Codice e cioè nei casi in cui la progettazione riguardi lavori di particolare rilevanza architettonica, così come individuati dal RUP in osservanza alle linee guide ANAC n° 3, approvate con delibera n°1096/2016 (paragrafo 5.1.3 lettera d). La guida tratta soltanto i concorsi ritenuti più idonei e veloci, come il concorso di progettazione ad uno e a due gradi (art. 154) e il concorso di idee (art. 156) ad unico grado, escludendo invece il concorso di progettazione a due fasi di cui all’art. 154, comma 5, che si ritiene eccessivamente impegnativo, in quanto prevede il raggiungimento, nella fase concorsuale, di un livello di approfondimento vicino al progetto definitivo e il concorso di idee a due fasi (art. 156, comma 7), che si sovrappone al concorso di progettazione a due gradi di cui all’art. 154, comma 4, rischiando di alimentare confusione. Di seguito i documenti contenuti nella prima parte:

  • l’allegato C1) costituisce un regolamento sui concorsi di architettura, quale guida per i committenti che intendano adottare le procedure concorsuali previste dagli articoli 152, 153, 154, 155 e 156 del Codice, utilizzando la piattaforma informatica del CNAPPC;
  • l’allegato C2) costituisce uno schema del bando di concorso ad unico grado (art. 154), finalizzato all’acquisizione di un progetto di fattibilità tecnica ed economica, con l’affidamento al vincitore, previa procedura negoziata senza bando, dei successivi livelli della progettazione, come previsto dall’art. 152, comma 5;
  • l’allegato C3) costituisce uno schema del bando di concorso a due gradi, finalizzato all’acquisizione, nel primo grado, di proposte ideative e, nel secondo grado, di un progetto di fattibilità tecnica ed economica, con l’affidamento al vincitore, previa procedura negoziata senza bando, dei successivi livelli della progettazione, come previsto dall’art. 152, comma 5;
  • l’allegato C4) costituisce uno schema del bando di concorso di idee ad unico grado, finalizzato all’acquisizione di proposte ideative da sviluppare successivamente con i tre livelli della progettazione, con l’affidamento al vincitore, previa procedura negoziata dei livelli successivi della progettazione, come previsto dall’art. 156, comma 6.

I documenti contenuti nella seconda parte vengono adottati nei casi ordinari, per i quali il RUP non abbia rilevato le condizioni per ricorrere alle procedure concorsuali, secondo quanto disposto dall’art. 23, comma 2 del Codice. Di seguito l'elenco completo:

  • l’allegato SAI.1 costituisce lo schema dell’Avviso che viene adottato dalle stazioni appaltanti che non siano in possesso degli elenchi di Operatori Economici di cui all’art. 157, comma 2 e all’art. 36, comma 2, lettera b), per l’individuazione dell’Operatore Economico a cui affidare Servizi di Architettura e Ingegneria di importo stimato inferiore a 40.000 euro (affidamento diretto, ai sensi dell’art. 36, comma 2, lettera a) del Codice;
  • l’allegato SAI.2 costituisce lo schema dell’Avviso pubblicato dalle Stazioni Appaltanti per costituire un Elenco degli Operatori Economici, a cui potere affidare gli incarichi di S.A.I. di importo stimato inferiore a 100.000 euro, con le modalità di cui all’art. 157, comma 2 e all’art. 36, comma 2, lettere a) e b) del Codice;
  • l’allegato SAI-2.1 costituisce lo schema di istanza che gli Operatori Economici interessati potranno utilizzare per l’iscrizione agli elenchi di cui all’allegato 2;
  • l’allegato SAI-2.2 costituisce lo schema semplificato del curriculum vitae, che gli Operatori Economici interessati dovranno compilare ed allegare all’istanza per l’iscrizione all’elenco di cui all’allegato 2 (si tratta di un semplice modello base che potrà essere personalizzato con ulteriori informazioni ritenute utili dagli OO.EE.);
  • l’allegato SAI-3 costituisce lo schema dell’Avviso esplorativo, adottato dalle stazioni appaltanti che non siano in possesso degli elenchi di Operatori Economici di cui all’art. 157, comma 2 e all’art. 36, comma 2, lettera b) (allegato 2), per l’individuazione degli Operatori Economici da invitare alle procedure negoziate di cui all’art. 36, comma 2, lettera b) per l’affidamento di S.A.I. di importo stimato inferiore a 100.000 euro;
  • l’allegato SAI-4 costituisce uno schema della lettera di invito da inviare agli OO.EE. individuati per la partecipazione ad una procedura negoziata, ai sensi dell’art. 36, comma 2, lettera b) del Codice;
  • l’allegato SAI-4.1 costituisce uno schema del disciplinare di gara a supporto delle procedure negoziate ai sensi dell’art. 36, comma 2, lettera b) del Codice.
  • l’allegato SAI-5 costituisce uno schema del bando, conforme al modello europeo e codicistico, che viene pubblicato dalle stazioni appaltanti che intendano procedere all’affidamento di S.A.I. di importo stimato pari o superiore a 100.000 euro, adottando una procedura aperta (art. 60 del Codice) o una procedura ristretta (art. 61 del Codice); quest’ultima, se adeguatamente motivata, può prevedere la riduzione del numero dei candidati qualificati da invitare ai sensi dell’art. 91 del Codice);
  • l’allegato SAI-5.1 costituisce uno schema del disciplinare di gara a supporto del bando per le procedure aperte ai sensi dell’art. 60 del Codice (di cui all’allegato 5);
  • l’allegato SAI-5.2 costituisce uno schema del disciplinare di gara a supporto del bando per le procedure ristrette ai sensi dell’art. 61 (di cui all’allegato 5) con o senza l’applicazione della riduzione del numero di candidati previsto dall’art. 91 del Codice;
  • l’allegato SAI-5.3 costituisce uno schema della lettera di invito che le Stazioni Appaltanti inviano agli Operatori Economici individuati, a seguito della pubblicazione del bando/avviso di cui all’allegato 5, per partecipare ad una procedura ristretta per l’affidamento di S.A.I. di importo stimato pari o superiore a 100.000 euro.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it