Coronavirus Covid-19 ieri: In Italia 5.456 nuovi casi ed un totale di 79.075 positivi. Le nuove Ordinanze regionali

Coronavirus, Covid-19, Ordinanze regionali, mascherine, contagiati, Protezione civile

di Redazione tecnica - 12/10/2020
© Riproduzione riservata
Coronavirus Covid-19 ieri: In Italia 5.456 nuovi casi ed un totale di 79.075 positivi. Le nuove Ordinanze regionali

E’ indubbio che il numero dei nuovi contagiati da Covid-19 che ieri si è attesato a 5.456 soggetti in più rispetto al giorno precedente è di gran lunga superiore al massimo di 4.694 raggiunto lo scorso 11 aprile nel corso della prima ondata di contagi ma è opportuno fare le seguenti ulteriori osservazioni:

  • il numero totale di ricoverati con sintomi ieri è stato pari a 4.519 mentre lo scorso 11 aprile era pari a 28.144;
  • il numero dei ricoverati in terapia intensiva ieri è stato pari a 420 mentre lo scorso 11 aprile era pari a 3.381;
  • il numero dei deceduti ieri è stato pari a 26 mentre lo scorso 11 aprile era pari a 619;
  • il numero dei tamponi effettuati ieri è stato pari a 104.658 mentre lo scorso 11 aprile è stato pari a 56.609.

Precoccupazione si ma moderata

Si tratta di numero che manifestano, chiaramente, che è necessario, si, essere preoccupati ma moderatamente perché il gran numero di contagiati di ieri non ha portato ad un gran numero di ricoverati con sintomi né ad un gran numero ricoverati con sintomi né ad un gran numerodi deceduti.

Mentre ieri il numero di nuovi contagiati è stato il 16,23% in più rispetto ai contagiati dell’11 aprile 2020, il numero dei ricoverati con sintomi è stato l’83,94 in meno sempre rispetto ai ricoverati dello scorso 11 aprile e lo stesso può essere affermato per i ricoverati in terapia intensiva e per i deceduti.

Di fatto ad un incremento giornaliero di nuovi contagiati si ha un decremento di tutti gli indicatori che potrebbero preoccuparci. Perché? Per il semplice fatto che con il gran numero di tamponi effettuati è stato possibile individuare gli asintomatici che avrebbero potuto contagiare e metterli in quarantena.

Speriamo che quello che abbiamo detto sia ascoltato non nel senso di un “liberi tutti” ma nel senso che l’epidemia non è più quella dei mesi marzo ed aprile ma è diversa per il semplice fatto che il numero di ricoverati in terapia insensiva e di deceduti non ha le stesse proporzioni che aveva nei mesi di marzo ed aprile rispetto ai nuovi contagiati giornalieri.

Il numero dei nuovi casi

Segnaliamo che ieri il numero dei nuovi casi di Covid-19 si è attestato a 5.456 con un ncremento rispetto a quellli dell’inizio del mese di settembre (quando il numeo dei nuovi casi è stato di 978) di circa il 458% con la regione Lombardia che torna ad acquisire una non invidiabile prima posizione in Italia. Seguono, con un numero di nuovi contagiati nel giorno 10 supeiore a 400 Campania, Veneto, Toscana e Piemonte

I dati salienti

Dall’inizio dell’epidemia di coronavirus hanno contratto il virus un totale di 354.950 persone delle quali 36.166 sono decedute e 239.709 sono guartite.

Attualmente i soggetti positivi sono 79.075.

Il totale dei tamponi effettuati è pari a 12.564.713 con un incremento di 104.658 nella giornata di ieri.    

I pazienti ricoverati con sintomi sono 4.519, di cui 420 in terapia intensiva.

I dati completi sono rilevabili nel bollettino della protezione civile allegato all’articolo.

CONTINUA A LEGGERE