Facility Management, in Gazzetta categorie di beni e servizi e soglie che passano dai Soggetti Aggregatori

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 32 del 9 febbraio 2016 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 24 dicembre 2015 recante "Individu...

10/02/2016
© Riproduzione riservata
Facility Management, in Gazzetta categorie di beni e servizi e soglie che passano dai Soggetti Aggregatori

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 32 del 9 febbraio 2016 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 24 dicembre 2015 recante "Individuazione delle categorie merceologiche ai sensi dell'articolo 9, comma 3 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, unitamente all'elenco concernente gli oneri informativi".

Il DPCM, in attuazione a quanto previsto dall'art. 9, comma 3, del decreto legge 24 aprile 2014, n. 66 (convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89), individua per gli anni 2016 e 2017 le categorie di beni e servizi e le relative soglie per le quali è necessario che le amministrazioni statali centrali e periferiche (ad esclusione degli istituti e scuole di ogni ordine e grado, delle istituzioni educative e delle istituzioni universitarie, nonché le regioni, gli enti regionali, nonché loro consorzi e associazioni, e gli enti del servizio sanitario nazionale) devono ricorrere a Consip S.p.A. o agli altri 34 soggetti aggregatori indicati nella nota ANAC del 23 luglio 2015.

Elenco delle categorie di beni e servizi e delle relative soglie di obbligatorietà

Entrando nel dettaglio, per gli anni 2016 e 2017 sono individuate le seguenti categorie di beni e servizi e le relative soglie di obbligatorietà:

#

Categorie di beni e servizi

Soglie (€)

1

Farmaci

40.000

2

Vaccini

40.000

3

Stent

Soglia di rilevanza comunitaria per i contratti pubblici di forniture e di servizi aggiudicati dalle amministrazioni diverse dalle autorità governative centrali

4

Ausili per incontinenza (ospedalieri e territoriali)

40.000

5

Protesi d’anca

Soglia di rilevanza comunitaria per i contratti pubblici di forniture e di servizi aggiudicati dalle amministrazioni diverse dalle autorità governative centrali

6

Medicazioni generali

40.000

7

Defibrillatori

Soglia di rilevanza comunitaria per i contratti pubblici di forniture e di servizi aggiudicati dalle amministrazioni diverse dalle autorità governative centrali

8

Pace-maker

Soglia di rilevanza comunitaria per i contratti pubblici di forniture e di servizi aggiudicati dalle amministrazioni diverse dalle autorità governative centrali

9

Aghi e siringhe

40.000

10

Servizi integrati per la gestione delle apparecchiature elettromedicali

40.000

11

Servizi di pulizia per gli enti del Servizio Sanitario Nazionale

40.000

12

Servizi di ristorazione per gli enti del Servizio Sanitario Nazionale

40.000

13

Servizi di lavanderia per gli enti del Servizio Sanitario Nazionale

40.000

14

Servizi di smaltimento rifiuti sanitari

40.000

15

Vigilanza armata

40.000

16

Facility management immobili

Soglia di rilevanza comunitaria per i contratti pubblici di forniture e di servizi aggiudicati dalle amministrazioni diverse dalle autorità governative centrali

17

Pulizia immobili

Soglia di rilevanza comunitaria per i contratti pubblici di forniture e di servizi aggiudicati dalle amministrazioni diverse dalle autorità governative centrali

18

Guardiania

40.000

19

Manutenzione immobili e impianti

Soglia di rilevanza comunitaria per i contratti pubblici di forniture e servizi aggiudicati dalle amministrazioni diverse dalle autorità governative centrali

Le soglie su indicate sono da intendersi come importo massimo annuo, a base d'asta, negoziabile autonomamente per ciascuna categoria merceologica da parte delle singole amministrazioni. Per le suddette categorie di beni e servizi l'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) non rilascia il codice identificativo di gara (CIG) alle stazioni appaltanti che non ricorrano a Consip S.p.A. o ad altro soggetto aggregatore.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it