Groupon e Libera professione, cos'è cambiato dopo gli Impegni con l'Antitrust?

Una notizia di pochi giorni fa informava degli impegni assunti con l'Antitrust dalle società facenti capo al circuito Groupon in merito alle pratiche commerc...

02/10/2014
© Riproduzione riservata
Groupon e Libera professione, cos'è cambiato dopo gli Impegni con l'Antitrust?

Una notizia di pochi giorni fa informava degli impegni assunti con l'Antitrust dalle società facenti capo al circuito Groupon in merito alle pratiche commerciali scorrette a danno dei consumatori nell'attività di vendita on line di coupon utilizzati per l'acquisto di servizi professionali (leggi news).

La notizia è stata accolta molto positivamente dal pubblico di liberi professionisti e dai relativi rappresentanti nazionali che hanno parlato di risultati a favore della battaglia condotta contro Groupon e le pratiche commerciali scorrette di molti professionisti (leggi il comunicato del CNAPPC).

Personalmente ho ritenuto doveroso leggere gli impegni assunti da Groupon non una ma due volte, al fine di comprendere meglio e nel dettaglio il significato di questi "risultati". Alla prima lettura mi sono posto alcune domande sull'efficacia di questa vera e propria "dichiarazione di intenti" (leggi la dichiarazione) e alla seconda ho avuto delle risposte che hanno poi trovato conferma in una mia breve ricerca sul sito di Groupon.

Cos'è cambiato dopo il provvedimento dell'Antitrust?Personalmente ritengo poco o nulla e adesso vi spiegherò le mie motivazioni.

Entriamo nel dettaglio del servizio professionale più svenduto nell'era dei coupon digitali: la certificazione energetica. Tutti i professionisti sanno cos'è e credo non sia più necessario ricordare i requisiti che deve possedere il tecnico per poter redigere una certificazione energetica valida (ma se li vuoi rinfrescati clicca qui). Se vai sul sito www.groupon.it e fai una ricerca in Italia inserendo la parola "Certificazione energetica", ad oggi troverai i seguenti 10 risultati (di cui uno esaurito alla faccia della crisi):
- Certificazione Energetica con soprallugo a 39,90 € anziché 240,00 € - Sconto 83%
- Certificazione energetica con planimetria catastale a 49,90 € anziché 183,00 € - Sconto 73%
- Certificazione energetica o in più scheda VIME e isolamento muri a 39,90 € anziché € 200,00 - Sconto 80%
- Certificazione energetica con rilascio schede IPE e APE a 34,90 € anziché € 150,00 - Sconto 77%
- Certificazione energetica entro 35 a 44,99 € anziché € 450,00 - Sconto 92%
- Certificazione energetica con IPE, APE o in più rilascio VIME e scheda tecnica per l’isolamento muri a 34,90 € anziché 250,00 € - Sconto 86%
- Certificazione energetica più scheda V.I.M.E. e isolamento muri a 34,90 € anziché € 230,00 - Sconto 85%
- Certificazione energetica con scheda V.I.M.E. e scheda tecnica a 39,90 € anziché 200,00 € - Sconto 80%
- Certificazione energetica, scheda V.I.M.E. e planimetria catastale a 39,00 € anziché 450,00 € - Sconto 91%

Cosa accomuna le suddette prestazioni rispetto agli impegni assunti dal gruppo Groupon?

  1. Nulla si può dire sulla verifica del possesso dei requisiti se non che ci aspettiamo che prima della pubblicazione dell'offerta siano stati verificati i requisiti del professionista o della società, iscrizione all'albo compresa. Personalmente ritengo, però, debba essere doverosa la pubblicazione sul sito del CV e dei requisiti del professionista.
  2. Acquisizione listino prezzi - questo è forse il tasto dolente, Groupon si è impegnato, a partire dalla settimana successiva alla pubblicazione del provvedimento dell'Antitrust (e quindi dall'11 settembre 2014), a "pubblicare il prezzo di riferimento e la relativa percentuale di sconto solo in presenza di un listino prezzi/catalogo prezzi oppure in presenza di fatture commerciali emesse dal Partner nei X giorni precedenti la formulazione della proposta contrattuale". Posto che nulla vieta al professionista di redigere un suo "listino prezzi" da consegnare prima della formulazione della proposta o l'emissione di una fattura fittizia, credo che ad oggi nulla sia cambiato rispetto a qualche settimana fa. Pensate che il gruppo Groupon e chi ci lavora siano a conoscenza o gliene importi qualcosa dell'eliminazione dei minimi tariffari?


Credo queste siano le maggiori criticità da evidenziare e sottoporre all'attenzione dell'Antitrust. Voi cosa ne pensate?il vostro commento è ben accetto e un sano brainstorming virtuale può essere sempre utile a comprendere meglio la situazione.