Istat: Nel mese di settembre nuova diminuzione della produzione delle costruzioni

A settembre 2018 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni relativamente agli edifici residenziali diminuisca dello 0,1% ris...

02/11/2018
© Riproduzione riservata
Istat: Nel mese di settembre nuova diminuzione della produzione delle costruzioni

A settembre 2018 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni relativamente agli edifici residenziali diminuisca dello 0,1% rispetto al mese precedente.

Nonostante il calo registrato su base mensile, nella media del trimestre luglio-settembre, l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni segna un aumento dello 0,8% rispetto al trimestre precedente.

Per quanto riguarda l’indice dei prezzi alla produzione delle costruzioni per gli edifici residenziali, a settembre si stima che l’indice aumenti dell’1,6% su base annua.

Nel confronto con i primi otto mesi del 2018, l’indice della produzione nelle costruzioni mostra una crescita tendenziale dell’1,1%.

Relativamente all’indice dei prezzi alla produzione dell’industria, a settembre 2018 si stima un aumento congiunturale dello 0,4% mentre, su base annua, si registra una crescita del 4,7%.

Sul mercato interno i prezzi alla produzione dell’industria aumentano dello 0,4% su agosto e del 5,6% su base annua. Al netto del comparto energetico, la crescita congiunturale è più contenuta (+0,1%) e si riduce inoltre in ampia misura l’incremento tendenziale (+1,2%).

Sul mercato estero la dinamica congiunturale è lievemente positiva (+0,1%) e su base annua si registra un aumento del 2,0% (+1,7% area euro, +2,2% area non euro). Al netto dell’energia il ritmo di crescita tendenziale dei prezzi all’export è più contenuto e simile per le due aree di sbocco (+1,2% per l’area euro e +1,4% per quella non euro).

Nel trimestre luglio-settembre, si stima un incremento dei prezzi alla produzione nell’industria del 2,1% sul trimestre precedente. La dinamica congiunturale dei prezzi è più sostenuta sul mercato interno (+2,8%) rispetto a quello estero (+0,3%).

Il settore manifatturiero che registra il più ampio aumento tendenziale è la fabbricazione di prodotti petroliferi raffinati (+15,7% sul mercato interno, +33,5% in area euro e +27,8% in area non euro). Il settore della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica è in diminuzione tendenziale in tutti i mercati (-0,8% sul mercato interno, -1,0% area euro e -2,3% aerea non euro); si riscontra inoltre una flessione per i prodotti farmaceutici sul mercato estero che coinvolge entrambe le aree (-1,7% area euro e -1,0% area non euro). Per il mercato estero area non euro si rileva una riduzione dei prezzi alla produzione per il settore della fabbricazione di mezzi di trasporto (-1,7%).

Per quanto riguarda l’indice dei prezzi alla produzione delle costruzioni per gli edifici residenziali, a settembre si stima che l’indice decresca dello 0,1% su agosto ed aumenti dell’1,6% su base annua.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it