Jobs Act autonomi: "C'è ancora molta strada da fare"

“E’ un primo passo verso un settore da troppo tempo penalizzato, ma c'è ancora molta strada da fare”. È questo il commento di Giampiero Giovannetti, Presiden...

04/02/2016
© Riproduzione riservata
Jobs Act autonomi: "C'è ancora molta strada da fare"

E’ un primo passo verso un settore da troppo tempo penalizzato, ma c'è ancora molta strada da fare”. È questo il commento di Giampiero Giovannetti, Presidente del Consiglio nazionale dei periti industriali e dei periti industriali laureati (CNPI),al disegno di legge recante "Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato”.

Finalmente - ha dichiarato il Presidente Giovannetti alla nostra redazione - si avverte un timido segnale di attenzione verso le professioni ordinistiche dopo anni bui e di posizioni contrarie come per esempio quella contenuta nel ddl concorrenza che punta a sanare la posizione delle società di ingegneria senza equipararle in tutto e per tutto alle società tra professionisti. Ma accanto al dato generale ci sono molti nodi da sciogliere".

Certezza pagamenti e assicurazione professionale

Tra i nodi da sciogliere c'è senz'altro quello che riguarda il tema più controverso e commentato negli ultimi giorni: la polizza assicurativa contro il ritardo nei pagamenti delle fatture da parte dei clienti. "L’idea che il professionista debba stipulare a proprie spese un’assicurazione per avere certezza dei pagamenti - afferma il leader dei Periti industriali - è una norma che ha dell'assurdo e che sembra l’ennesimo favore fatto a qualcuno. Si tratta di un diritto che dovrebbe essere tutelato dallo stato, non da una nuova assicurazione a spese del creditore. Così come ritengo insensato che il sistema per agevolare la partecipazione ai bandi pubblici debba essere specificato da una norma piuttosto che affrontarlo in origine, modificando quindi il principio contenuto nel codice degli appalti".

Formazione professionale e previdenza

Positivo il commento che riguarda la deducibilità integrale delle spese di formazione e le misure su malattia, infortuni e maternità. “Una misura - termina Giovannetti - che come CNPI e come Rete delle professioni tecniche abbiamo chiesto da anni, così come il giudizio sulle nuove tutele su malattia, infortuni e maternità. Per quanto riguarda, invece, l’equiparazione dei professionisti  alle pmi in materia di accesso ai fondi strutturali europei, speravamo che essendo una norma già contenuta nella Stabilità fosse immediata. Ci aspettiamo che ora diventi realtà”.

Ringraziamo il Presidente Giampiero Giovannetti per il prezioso contributo.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Documenti Allegati