Jobs Act autonomi, Fondazione Inarcassa: manca equo compenso e garanzia pagamenti

“L’approvazione del Jobs act degli autonomi è una notizia che non possiamo che accogliere con soddisfazione”. È questo il primo commento del Presidente di Fo...

01/02/2016
© Riproduzione riservata
Jobs Act autonomi, Fondazione Inarcassa: manca equo compenso e garanzia pagamenti

L’approvazione del Jobs act degli autonomi è una notizia che non possiamo che accogliere con soddisfazione”. È questo il primo commento del Presidente di Fondazione Inarcassa, Andrea Tomasi, alla notizia dell'approvazione in Consiglio dei Ministri del disegno di legge recante "Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato" (leggi articolo).

Il provvedimento - continua Tomasi - è certamente sintomo di una rinnovata attenzione riservata dal Governo al mondo delle partite iva e delle professioni ordinistiche. Un’attenzione confermata dalla nomina del Professor Tommaso Nannicini a Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio col compito, tra l’altro, di lavorare al disegno di legge dedicato ai lavoratori autonomi, così come anticipato dal Premier Renzi".

Soddisfazione, dunque, per l'attenzione finalmente riservata ai lavoratori autonomi ma non per le norme relative ai compensi. "Tuttavia ci spiace constatare - afferma Tomasi - che il testo del Governo non affronti due questioni di centrale rilevanza per i lavoratori autonomi e quindi anche per i liberi professionisti: il riconoscimento dell’equo compenso e l’introduzione di forme di garanzia per il pagamento delle prestazioni. Temi questi chiave, soprattutto perché il fine del disegno di legge è quello di tutelare il lavoro autonomo, affermandone finalmente la giusta dignità. La ratio stessa del provvedimento risulterebbe, quindi, frustrata se nel corso dell’iter legislativo non trovassero cittadinanza tali punti. E’ una questione di principio, in quanto si tratta di profili che una disciplina organica del lavoro autonomo non può non affermare".

"E’ finalmente la giusta occasione - conclude il Presidente di Fondazione Inarcassa - per predisporre un sistema di tutele per i lavoratori autonomi che si avvicini a quello del lavoro dipendente. Per questo ci auguriamo che Governo e Parlamento continuino a dimostrare la disponibilità al dialogo con le categorie interessate e i professionisti coinvolti, al fine di migliorare ulteriormente il testo in sede di dibattito parlamentare”.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Documenti Allegati