Lavori Pubblici: regolarità contributiva fino alla data di scadenza del bando

La regolarità contributiva è condizione necessaria di ammissione alle gare pubbliche e, pertanto, deve essere posseduta sin dalla data di presentazione dell'...

29/04/2010
© Riproduzione riservata
La regolarità contributiva è condizione necessaria di ammissione alle gare pubbliche e, pertanto, deve essere posseduta sin dalla data di presentazione dell'offerta, entro la data di scadenza del bando, e deve essere comprovata per l'arco temporale effettivo richiesto dall'Amministrazione appaltante (leggi news).

Lo ha affermato il Consiglio di Stato con la decisione n. 178 del 19 gennaio 2010, in risposta al ricorso presentato per la riforma di alcune sentenze del TAR che avevano annullato l'aggiudicazione della società ricorrente di un bando che riguardava l'affidamento del servizio di sorveglianza, conduzione, manutenzione e controllo degli impianti di potabilizzazione e depurazione e degli impianti di sollevamento di tre diverse zone.

Il TAR aveva annullato l'aggiudicazione ritenendo che una delle società consorziate della società consorzile che ha vinto il bando, non era in regola con la posizione contributiva e perciò non possedeva una dei requisiti necessari per la partecipazione alla gara. In particolare, la gara in questione si era svolta ai sensi del d.lgs. n. 158/1995, il cui art. 22 richiama, quanto ai requisiti soggettivi di partecipazione alle gare, per gli appalti di servizi, gli artt. da 12 a 16 del d.lgs. n. 157/1995. L'art. 12, comma 1, lett. d), di detto d.lgs considera causa di esclusione dalle gare (e non mera circostanza impeditiva della stipulazione del contratto), l'assenza di regolarità contributiva quanto al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori. Per tale motivo, il requisito della regolarità contributiva, essendo condizione di partecipazione alla gara, deve essere posseduto alla data di scadenza del termine di presentazione dell'offerta.

Aggiungiamo, inoltre, che come già rilevato dal Consiglio di Stato con la sentenza n. 1141 del 26 febbraio 2009, la regolarità della posizione contributiva deve essere comprovata per l'arco temporale effettivo richiesto dall'Amministrazione appaltante.

Accedi al Focus DURC e leggi tutto sulla regolarità contributiva in sede di gara.

Documenti Allegati