Nuova officina di manutenzione del materiale rotabile ferroviario in località Spini di Gardolo a Trento

Affidamento delle prestazioni di direzione lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione della nuova officina di manutenzione del materiale ro...

26/01/2016
© Riproduzione riservata
Nuova officina di manutenzione del materiale rotabile ferroviario in località Spini di Gardolo a Trento

Affidamento delle prestazioni di direzione lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione della nuova officina di manutenzione del materiale rotabile ferroviario in località Spini di Gardolo a Trento.

Oggetto dell’appalto è l’affidamento delle seguenti attività:

  • Direzione lavori, compresi misura e contabilità, liquidazione, prove e verifiche di accettazione in corso d’opera, assistenza al collaudo, direzione ambientale;
  • Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione ex D.Lgs 81/2008;
  • Assistenza ai lavori da parte di “Direttori operativi” e “Ispettori di cantiere”;
  • Professionista preposto ai sensi dell’art. 5 del DPR 753/80;
  • LEED AP;

relative alla realizzazione della nuova officina per la manutenzione del materiale rotabile ferroviario in località Spini di Gardolo nel Comune di Trento.

Per tutto quanto non espressamente disciplinato dal presente Capitolato si richiama quanto previsto dal D.Lgs. 163/2006 e s.m.i., D.P.R. 207/2010, D.M. 145/2000, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., D.M. 143/2013 e s.m.i., le Norme Tecniche per le Costruzioni D.M.14 gennaio 2008 incluse circolari e ulteriori decreti ministeriali ed ogni altra norma vigente in materia e il codice civile, senza che per tale motivo l’affidatario del presente servizio possa avanzare qualsivoglia richiesta di indennizzo o maggiori oneri.

Indipendentemente dalla natura giuridica del concorrente, gli incarichi oggetto di appalto dovranno essere espletati da tecnici abilitati nel rispetto delle normative vigenti in materia di competenze professionali, ed iscritti negli appositi Albi previsti dai relativi ordinamenti professionali, secondo le norme dei paesi dell’Unione Europea di provenienza, personalmente responsabili e nominativamente indicati in sede di presentazione dell’offerta, ad eccezione del LEED AP.

In considerazione della dimensione e complessità dell’opera nonché dei differenti sottosistemi di cui l’opera stessa è composta, l’Aggiudicatario dovrà dedicare alle attività oggetto del presente capitolato un gruppo di lavoro costituito da tecnici che abbiano maturato significative esperienze, ciascuno nei diversi settori di competenza, che assicurino costante presenza e assistenza in cantiere, in modo da garantire la realizzazione delle opere nei tempi certi e coerenti con i costi preventivati.

Nel gruppo di lavoro devono essere previste le seguenti “figure professionali chiave”:

  1. Direttore Lavori;
  2. Uno o più Assistente/i al Direttore lavori con funzioni di “Direttore operativo” per l’espletamento dei compiti di cui all’art. 149 del D.P.R. 207/2010;
  3. Assistente al Direttore lavori con funzioni di “Ispettore di cantiere” per l’espletamento dei compiti di cui all’art. 150 del D.P.R. 207/2010 e che espleta anche l’incarico per la misura e contabilità dei lavori di tutte le opere;
  4. Coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione dei Lavori per tutte le opere;
  5. LEED AP.

L’indicazione dei tecnici nel gruppo di lavoro è vincolato alle seguenti condizioni:
a) Considerato il carattere industriale-ferroviario di siffatta opera, il professionista incaricato come Direttore dei lavori deve essere in possesso del Diploma di laurea Specialistica in ingegneria (Nuovo Ordinamento) o del Diploma di laurea quinquennale in ingegneria (Vecchio Ordinamento);
b) In relazione alle dimensioni e complessità dell’opera da realizzare e dei sottosistemi di cui è composta, il Concorrente dovrà indicare nominativamente gli Assistente/i al Direttore lavori con funzioni di “Direttore operativo” specialista per l’espletamento dei compiti di cui all’art. 149 del D.P.R. 207/2010, per tutti i seguenti sottosistemi edilizi e tecnologici di cui si compone l’opera:

  • Direttore operativo per il sottosistema "edilizio"
  • Direttore operativo per il sottosistema "impianti elettrici e termomeccanici";
  • Direttore operativo per il sottosistema "attrezzature e impianti ferroviari di armamento ed elettrificazione"

Resta inteso che un singolo tecnico potrà svolgere l’incarico di Direttore operativo per 1 o più sottosistemi tra quelli sopra individuati ovvero per tutti;

c) Chi espleta le funzioni di Direttore operativo specialista per il sottosistema "edilizio", deve essere in possesso, del Diploma di laurea Specialistica in ingegneria o architettura (Nuovo Ordinamento) o del Diploma di laurea quinquennale in ingegneria o architettura (Vecchio Ordinamento);
d) I tecnici nominativamente indicati potranno svolgere solo ed esclusivamente la funzione di una sola delle “figure professionali chiave” ad eccezione del LEED AP, per quanto riguarda il Direttore Operativo vale quanto espresso alla precedente lettera b);
e) Il numero minimo dei tecnici per lo svolgimento dell’incarico oggetto dell’appalto è stabilito dal presente Capitolato in 4 (quattro) unità;
Il Direttore Lavori è anche il soggetto incaricato allo svolgimento del ruolo di “Professionista preposto” ai sensi dell’art.5 del D.P.R. 753/80.

L’ Affidatario ha l’obbligo di mettere a disposizione del Committente per tutta la durata delle attività il “gruppo di lavoro” presentato in sede di offerta per lo svolgimento delle funzioni di “Figura professionale chiave”. Qualsiasi modifica dei componenti del predetto “gruppo di lavoro” potrà avvenire solo ed esclusivamente per cause di forza maggiore e dovrà essere comunicata per iscritto al Committente e da questi accettata ed autorizzata; resta inteso che il componente sostituto dovrà avere requisiti equipollenti al componente sostituito in termini di professionalità e competenza maturata. Qualora i requisiti di equipollenza in termini di professionalità e competenza maturata presentati dall’Affidatario non siano accettati dalla Committenza, il Committente si riserva, a suo insindacabile giudizio, di affidare l’incarico direttamente ad un professionista scelto dalla Committenza stessa; l’onorario del professionista direttamente incaricato dalla Committenza sarà calcolato utilizzando le tariffe professionali in vigore senza attribuire alcun ribasso ed addebitando l’onorario del corrispettivo (comprensivo di compenso e spese), dell’IVA, del contributo integrativo e degli eventuali danni subiti a carico dell’Affidatario, recuperando l’importo progressivamente negli stati avanzamento lavori liquidati.

L’eventuale sostituzione di un componente del predetto gruppo di lavoro, accettata ed autorizzata dal Committente, dovrà avvenire entro e non oltre 15 giorni naturali e consecutivi dalla data della cessazione delle attività da parte del componente sostituito. Per ogni giorno di ritardo sul succitato termine verrà applicata la penale di cui al successivo articolo “PENALI”.

Gli incarichi di cui al presente Capitolato si ritengono conclusi con l’approvazione del Collaudo Tecnico amministrativo. Ai sensi dell’art. 5 del D.P.R. 753/80 il collaudo tecnico-amministrativo dell’opera avverrà decorso almeno un anno dalla messa in servizio dell’opera; la messa in servizio (MIS) dell’opera e le relative verifiche e prove funzionali dovranno avvenire nel rispetto di quanto previsto dagli articoli 4 e 5 del D.P.R. 753/80.

Amministrazione aggiudicatrice
Provincia Autonoma di Trento — Agenzia Provinciale per gli Appalti e contratti — Servizio appalti — Ufficio gare
Via Dogana 8
38122 Trento
Tel. +39 461496444
Fax: +39 461496422
serv.appalti@pec.provincia.tn.it - www.appalti.provincia.tn.it

Codice CIG: 6443597076

Termine di presentazione delle offerte: ore 12.00 del giorno 24 marzo 2016

Importo stimato dei lavori
L’importo stimato dei lavori oggetto dell’intervento nel suo complesso è pari ad Euro 30.890.494,00 (trentamilioniottocentonovatamilaquattrocentonovantaquattro/00) IVA esclusa di cui Euro 760.000,00 (euro settecentosessantamila/00) quali oneri della sicurezza di cui all’art. 131, comma 3 del D.Lgs. 163/2006, come risultante dal progetto Definitivo già redatto dal Committente.

La tipologia contrattuale prevista per l’esecuzione dei lavori in appalto, così come indicato dal comma 1, art. 3 del Capitolato Speciale di Appalto dei Lavori è a corpo, ad eccezione degli oneri della sicurezza e delle altre specifiche fattispecie stabilite dal Capitolato dei Lavori, che saranno contabilizzate a misura.

Importo del corrispettivo
L’importo a base di gara, soggetto a ribasso, per le attività indicate al precedente articolo è pari a € 1.242.826,81, di cui € 1.129.842,55 per compenso ed € 112.984,26 per spese e oneri accessori, come da “DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI” allegato al presente Capitolato per farne parte integrante e sostanziale.
Il preventivo di parcella è calcolato sulla base del D.M. del 31 ottobre 2013, n. 143 e s.m.i. (tariffario in vigore per prestazioni professionali di ingegneri e architetti).
L’importo a base di gara per i compensi, spese ed oneri accessori ricomprende tutto quanto dovuto al professionista, nulla escluso, compresi i compensi delle eventuali prestazioni relative ad attività connesse ed accessorie che si rendessero necessarie allo svolgimento dell’incarico.
Con la partecipazione alla presente procedura di gara, i concorrenti accettano espressamente la metodologia di calcolo del corrispettivo indicato nella “DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI” allegato al presente Capitolato, che diventa pertanto elemento contrattuale.
Le singole prestazioni professionali effettuate dall’Affidatario saranno ricompensate secondo quanto previsto per ciascuna di esse nella “DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI” allegato al Capitolato, con applicazione del ribasso offerto in sede di gara.
Le migliorie introdotte dall’Appaltatore dei lavori in sede di gara e in sede di redazione del progetto esecutivo, non comportano alcuna variazione del compenso dell’Affidatario per la prestazione professionale svolta ed oggetto del presente Capitolato, né verranno riconosciuti maggiori corrispettivi, indennizzi, risarcimenti comunque denominati, connessi con la prestazione svolta essendo ogni relativo corrispettivo compreso e compensato nel contratto.
Il maggiore importo dei lavori rispetto al progetto definitivo per effetto di varianti intervenute in sede di progettazione esecutiva o in corso d’opera, non comporterà automatici aumenti del corrispettivo per la prestazione svolta ed oggetto del presente Capitolato, ma il corrispettivo della prestazione sarà commisurato all’effettivo maggiore impegno per la prestazione resa; in particolare per lavori già previsti in progetto e dei quali si prevede un mero aumento delle quantità (lavori ripetitivi) ovvero della qualità e dei prezzi unitari delle relative voci verrà applicato, sull’importo in eccesso a quanto previsto contrattualmente, un ulteriore ribasso sul corrispettivo pari al 30%, in aggiunta al ribasso offerto in sede di gara.
Per i lavori suppletivi e innovativi, in quanto non previsti in progetto, il corrispettivo dovuto al Direttore Lavori sarà invece commisurato all’importo effettivo delle nuove opere, applicando la metodologia di calcolo degli onorari indicata nel preventivo di parcella allegato al presente Capitolato, con applicazione del ribasso offerto dall’aggiudicatario.