Opere incompiute: in Italia sono 546 e serviranno quasi 2 miliardi di euro per completarle

Pubblicato, su www.servizicontrattipubblici.it, l’aggiornamento 2018 dell’anagrafe delle opere incompiute ai sensi dell'art. 44 bis del decreto - legge 6 Dic...

28/08/2019
© Riproduzione riservata
Opere incompiute: in Italia sono 546 e serviranno quasi 2 miliardi di euro per completarle

Pubblicato, su www.servizicontrattipubblici.it, l’aggiornamento 2018 dell’anagrafe delle opere incompiute ai sensi dell'art. 44 bis del decreto - legge 6 Dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 Dicembre 2011, n. 214, attraverso il SIMOI, Sistema Informatico di Monitoraggio delle Opere Incompiute.

I dati evidenziano che, rispetto al 2017 c’è stata una contrazione del numero delle opere incompiute, ridotte da 647 a 546 (- 101 opere, pari a – 15,6%), che conferma la tendenza positiva, registrata negli ultimi due anni, di una ripresa dei lavori di completamento delle opere.

Ciò grazie anche all’effetto prodotto dalle nuove disposizioni in materia di programmazione di lavori pubblici (DM n.14/2018) che impegnano le amministrazioni nell’individuazione di soluzioni per il superamento della problematica concernente le opere incompiute.

Segnaliamo come la Regione siciliana sia l’unica che ha un numero di opere incompiute over 150, per l’esattezza 154 con una percentuale di oltre il 28% rispetto al complessivo numero di opere incompiute nazionale; in pratica oltre un quarto delle opere incompiute si trova nel territorio della Regione siciliana con un mostruoso importo di quasi 500 milioni di euro più basso soltanto a quello della Regione Puglia pari a 1.056 milioni di euro ed a quello delle opere di competenza del MIT pari a circa 1471 milioni di euro.

L’attività di ricognizione annuale ha visto impegnati operativamente il Ministero, le Regioni e Province autonome ed ITACA.
Di seguito, in sintesi, la rilevazione delle opere incompiute registrate al 30.6.2019.

L’aggiornamento dell’anagrafe delle opere incompiute di competenza, rispettivamente, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e delle Regioni e delle Provincie Autonome, è realizzato ai sensi del D.M. 13 marzo 2013, n. 42 disciplinante il “Regolamento recante modalità di redazione dell’elenco anagrafe delle opere pubbliche incompiute, di cui all’art. 44 bis del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214”.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it