Redigere e gestire il Piano comunale Amianto in Sicilia

La gestione del problema amianto non può prescindere dalla partecipazione attiva di tutti i soggetti interessati con il coinvolgimento totale dei cittadini e...

23/06/2016
© Riproduzione riservata
Redigere e gestire il Piano comunale Amianto in Sicilia

La gestione del problema amianto non può prescindere dalla partecipazione attiva di tutti i soggetti interessati con il coinvolgimento totale dei cittadini e delle amministrazioni locali e regionali.

Gli orientamenti previsti nel Piano Nazionale Amianto, con i relativi obiettivi ed azioni, afferiscono a tre macroaree relative a:

  • tutela della salute;
  • tutela dell’ambiente;
  • aspetti di sicurezza del lavoro e previdenziali.

Tali macroaree non vanno comunque considerate come compartimenti separati, ma come elementi di un “unicum” guidato dal Piano stesso, e per tale ragione devono essere messe in correlazione e gestite, per quanto possibile, in modo coordinato.

In Sicilia, così come nel resto d’Italia, viene sempre più affermandosi quindi la necessità di affrontare, in maniera definitiva, tutta la problematica amianto attraverso l’emanazione di provvedimenti legislativi mirati a tale scopo e determinati, da un lato, a fotografare lo stato di fatto esistente in ogni regione e, dall’altro, a programmare in maniera organizzata tutti gli interventi necessari all’eliminazione del problema, anche attraverso la stima delle risorse economiche necessarie alla risoluzione del problema nel suo complesso.

Anche in Sicilia e per tali scopi, un ruolo fondamentale è demandato alle Pubbliche Amministrazioni locali che sono chiamate alla redazione del cosiddetto Piano Comunale Amianto, il tutto, attraverso l’introduzione di un corredo normativo fatto di leggi e circolari opportunamente strutturate e cadenzate nel tempo ed idonee a porre un limite temporale alle attività da intraprendere per la risoluzione definitiva del problema amianto.

Dapprima con la Legge Regionale n.10/2014, peraltro in parte modificata con l’art.29 dell’ultima manovra finanziaria (Legge 17 maggio 2016 n.8), che dettava le “norme per la tutela della salute e del territorio dai rischi derivanti dall’amianto” e poi successivamente con la circolare del 22 luglio 2015 della Presidenza della Regione Sicilia che introduceva le cosidette Linee Guida per la redazione dei Piani Comunali Amianto.

Le predette Linee Guida espongono in maniera puntuale quali sono tutte le attività da porre in essere e la documentazione da predisporre al fine di redigere il Piano Comunale Amianto, ivi comprese le dotazioni informatiche necessarie di piano per un’agevole trasmissione delle informazioni annuali obbligatorie, oltre all’attività di promozione ed informazione della cittadinanza nelle forme comunicative prescritte.

Per la problematica esposta, SEIPA –Servizi Esterni Informatici per la Pubblica Amministrazione sta programmando la realizzazione di un seminario tecnico GRATUITO sulla redazione e gestione del Piano Comunale Amianto alla luce dei riferimenti normativi già emanati per tutto il territorio siciliano. L’organizzando seminario prevede la partecipazione dei rappresentanti del Dipartimento Regionale della Protezione Civile.

Durante l’incontro, rivolto a tecnici della pubblica amministrazione e liberi professionisti, verranno affrontate tutte le problematiche tecniche relative alla redazione del Piano Comunale Amianto.

A cura di Ufficio Stampa SEIPA
Servizi Esterni Informatici per la Pubblica Amministrazione